La partita tra Zulte Waregem e Lazio, valida per l’ultima giornata del girone K di Europa League, è finita 3-2: decisivo il gol di Iseka all’83’ dopo le reti de Pauw all’8′, Heylen al 60′, Caicedo al 67′ e Lucas Leiva al 76′.

Simone Inzaghi, forte della qualificazione come primo del girone, si presenta al Regenboogstadion con una squadra fortemente rimaneggiata, nella quale figurano ben 6 giocatori con meno di 10 presenze in Serie A. La Lazio, come accaduto in ogni gara esterna in questa Europa League, va subito sotto a causa del gol di De Pauw al 6′, bravo a svettare sulla testa di Patric sul cross di Kaya. Dopo la rete incassata, i biancocelesti provano a reagire e cercano di sfondare dalla parte di Lukaku, ma le occasioni stentano ad arrivare, salvo un gol annulato a Palombi per fuorigioco e due lisci da buona posizione di Crecco. Il primo tempo termina così sul risultato di 1-0.

Nella ripresa gli uomini di Inzaghi rientrano in campo più convinti, sfruttando ancora una volta la fascia sinistra, ma a trovare la via della rete è ancora una volta la squadra belga: al 60′ infatti Heylen anticipa Luiz Felipe Caicedo su corner e batte un Vargic non esente da colpe. Il raddoppio subito scuote la Lazio, che comincia ad ingranare e riesce a trovare il pareggio grazie soprattutto al subentrato Lucas Leiva, che prima assiste con una torre di testa Caicedo e poi trova la rete sugli sviluppi di una punizione laterale. Proprio quando l’inerzia della partita sembrava prendere la strada di Roma, i biancocelesti vengono gelati dal gol-capolavoro di Iseka, che prende l’incrocio dei pali con un bel sinistro dal limite dell’area. Il terzo gol incassato spegne definitivamente la Lazio, che non riesce a reagire e ad evitare la sconfitta per il 3-2 finale. I biancocelesti passano il turno da primi nel girone ma ottengono la prima sconfitta nella fase a gironi dal 2012, mentre lo Zulte Waregem viene eliminato nonostante i 7 punti ottenuti.

 

ZULTE WAREGEM (3-4-1-2): Bostyn 6; Heylen 7, de Fauw 6, Baudry 6,5; Walsh 6,5 (dall’87’ Saponjic s.v.), Doumbia 6 (dal 46′ de Sart 6,5), Kaya 6,5, Madu 5,5 (dal 46′ Hamalainen 6); Coopman 6; de Pauw 7, Leya Iseka 7. A disp.: Leali, de Smet, Cordaro, Kastanos. All. Francky Dury.

LAZIO (3-5-2): Vargic 4,5; Patric 5,5, Luiz Felipe 6 (dal 65′ Wallace 5,5), Bastos 6,5; Basta 6,5, Miceli 6 (dal 55′ Lucas Leiva 7), Murgia 6, Crecco 5,5 (dal 55′ Felipe Anderson 6,5), Lukaku 6,5; Palombi 5,5, Felipe Caicedo 6. A disp.: Guerrieri, Armini, Marusic. All. Simone Inzaghi.

ARBITRO: Charalambos Kalogeropoulos (Grecia)

MARCATORI: De Pauw all’8′, Heylen al 60′, Felipe Caicedo al 67′, Lucas Leiva al 76′, Leya Iseka all’83’

AMMONITI: Walsh al 75′

ESPULSI: –

NOTE: nessun minuto di recupero nel primo tempo, 2 minuti nel secondo tempo.

TOP NOVANTESIMO: Leya Iseka 7 Decide una gara destinata al pareggio con una prodezza balistica, i suoi movimenti tengono costantemente in apprensione la difesa biancoceleste

FLOP NOVANTESIMO: Vargic 4,5 Impreciso sul primo gol, colpevole sul secondo. Se Strakosha è solitamente intoccabile nelle gerarchie di Inzaghi, dopo stasera lo è un po’ di più

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Diplomato al Liceo Linguistico, attualmente studio Economia e Management ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008