In questo 31esimo turno di campionato, lo Young Boys ha ospitato, tra le mura amiche e festanti dello Stade de Suisse, il Lugano. Quella odierna per i bernesi è stata la prima partita casalinga dopo l’ottenimento dell’aritmetica certezza di aver vinto il campionato. I ticinesi, alla ricerca di punti importanti (e insperati), rientreranno a casa forti del 2-2 finale.

Fin dalle prime battute, i padroni di casa si sono installati nella metà campo avversaria; il Lugano, difendendosi con ordine, si è principalmente affidato a delle ripartenze. A passare per primi in vantaggio sono stati gli ospiti: al 7′ un cross di Lavanchy ha trovato la testa di Junior, abile a inserirsi e ad anticipare Lauper. Incassata la rete, i gialloneri si sono a lungo scontrati contro la retroguardia bianconera. A ristabilire la parità ci ha pensato il sempreverde Hoarau: al 34′ un bel cross di Fassnacht ha trovato lo stacco aereo dell’attaccante francese, liberatosi dalla marcatura di Sulmoni. Negli ultimi minuti della prima frazione i padroni di casa hanno cercato con insistenza la rete: Assalé avrebbe potuto segnare, se non fosse arrivato in leggero ritardo su un insidioso cross di Sow, ma a non perdonare è stato ancora Hoarau che, marcato da Sulmoni, è riuscito a trafiggere Baumann sul primo palo segnando mentre era in caduta. Durante i recuperi, gli uomini di Seoane avrebbero potuto persino allungare, ma Gaudino (liberato da Assalé) non ha concluso al meglio e ha trovato una bella parata istintiva di Baumann.

Anche nel corso della seconda frazione, i padroni di casa hanno fatto valere la propria forza fisica e hanno per lunghi tratti mantenuto sotto controllo il gioco. Colpevoli di non aver chiuso la contesa e di non aver nemmeno creato ulteriori pericoli, i gialloneri hanno incassato il punto del pareggio: al 56′ Gerndt, servito da Daprelà, ha saltato Mbabu e offerto un delizioso retropassaggio per un Junior libero di depositare in rete. In seguito si sono registrate due occasioni, una per parte: sugli sviluppi di una punizione, Daprelà non ha colpito ottimamente e ha trovato la parata di von Ballmoos; Mbabu, sempre a seguito di un calcio di punizione, ha visto il suo colpo di testa ‘parato’ e deviato in corner da Sulmoni.

Nessuna squadra si è aggiudicata una partita con quattro reti ma con relativamente poco spettacolo. Il Lugano, grazie a questo pareggio, sale a quota-38 punti e occupa attualmente la quinta posizione (a -2 dalla zona-Europa e a +5 dal nono posto sinonimo di spareggio).

BSC Young Boys (4-1-2-3): von Ballmoos 6; Garcia 5.5 (85′ Lotomba s.v.), Von Bergen 6, Lauper 5, Mbabu 5.5; Aebischer 5.5; Gaudino 5.5 (73′ Nsame 6), Sow 6.5; Fassnacht 6.5, Hoarau 7.5, Assalé 5.5 (69′ Schick T. 6). A disp.: Wölfli; Benito, Seydoux, Kronig All.: Seoane.

FC Lugano (3-4-2-1): Baumann 6; Sulmoni 5, Maric 6, Daprelà 6; Lavanchy 6.5, Vecsei 6, Sabbatini 6, Crnigoj 5.5 (52′ Bottani 6); Gerndt 7, Junior 8; Sadiku 5.5 (64′ Mihajlovic 6). A disp.: Da Costa; Kecskes, Yao; Piccinocchi, Brlek. All.: Celestini.

ARBITRO: Sig. Bieri (Heiniger, Zogaj, Wolfensberger)

MARCATORI: Junior (FCL) al 7′ e al 56′; Hoarau (BSCYB) al 34′ e al 45′

AMMONITI: Vecsei (FCL) all’88’

ESPULSI: –

NOTE: Recupero: 1′, 4′; 27’053 spettatori

TOP NOVANTESIMO: Junior 8 – Due gol da attaccante vero che trascinano una volta di più il Lugano.

FLOP NOVANTESIMO: Lauper 5 – Ha responsabilità in entrambi i gol avversari.

CONDIVIDI
Luganese, alle prese con gli studi di Diritto a Neuchâtel, nel proprio tempo libero unisce volentieri i suoi interessi per la scrittura e per il calcio, occupandosi della squadra della sua Città. È uno dei co-fondatori di Sport Lugano.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008