Verso Udinese-Milan, Velazquez: “Non entreremo in campo per perdere”

Il tecnico dell’Udinese, Julian Velazquez, ha parlato in conferenza alla vigilia della partita di domani contro il Milan:

Su Nuytinck: “Se lo abbiamo chiamato significa che è pronto sia per giocare sia dall’inizio che a gara in corso. E’ stato fantastico nel recuperare la condizione e nell’allenarsi nell’ultima settimana. Ci sarà anche Machis, una opportunità in più per noi anche se è difficile che giochi dall’inizio”.

Sul Milan: “Non entreremo in campo per vincere e per segnare un gol in più dell’avversario. Lo faremo domani così come in ogni altra partita. Sono convinto che possiamo anche vincere domani perché ci siamo allenati molto bene questa settimana, con grande attenzione e sono felice di quello che mi ha fatto vedere la squadra con l’ultimo pareggio. Il Milan è una squadra che ha grandi attaccanti come Higuain e Suso ma sono forti anche in difesa. Noi dovremo lavorare bene sia con che senza la palla, dovremo attaccarli ma con grande attenzione alle varie situazioni del Milan. Io mi fido della mia squadra e se giochiamo come ci siamo allenati questa settimana vinciamo di sicuro”.

Sul momento di Scuffet:“La scelta di avvicendare Simone è stata presa da me e dal mio staff. Io sono soddisfatto di quanto fatto dai preparatori dei portieri con tutti i giocatori a disposizione. All’inizio della stagione ho sempre detto che avrei deciso dopo aver valutato gli allenamenti. Scuffet è un ragazzo che fa parte del gruppo e quando ha giocato per fare bene. Lo stesso vale per Musso. Poi ci sono momenti diversi all’interno della stagione che possono cambiare la situazione. Non prendo decisioni per far del male a qualcuno. Io penso al bene del collettivo”.

La difesa punto debole del Milan “Sono una squadra dalle grandi individualità mentre collettivamente hanno fatto gare meno positive. Arrivano dalle vittorie contro Samp e Genoa così come dalla sconfitta contro il Betis. Non voglio dire che tipo di approccio avremo domani, il nostro piano di gioco è comunque chiaro nelle nostre menti. Sappiamo come poter far male al Milan”.

I nuovi giocatori a disposizione per la difesa:“Ci sono tanti ragazzi che hanno avuto bisogno di tempo per abituarsi alla nuova realtà e alla nuova lingua. Ci sono difficoltà che si devono affrontare e superare col tempo. Opoku, ad esempio, è un giocatore dalle grandi qualità che può giocare in più situazioni tattiche. Adesso è sicuramente più pronto rispetto alle ultime settimane. Ter Avest è un altro ragazzo che è cresciuto e oggi è una possibilità in più per me”.

Su De Paul: “De Paul meglio da esterno d’attacco o da trequartista? “Rodrigo per me gioca meglio al centro, ma quello che conta è il sapersi adattare alle situazioni e ai compagni che sono con te in campo. Più è vicino alla porta e più aumenta la sua pericolosità. E’ e rimane un calciatore straordinario e che ha ancora margini di miglioramento”.

CONDIVIDI
Direttore Responsabile Frequenza Rossonerazzurra, Blogger AC Milan, collaboratore/inviato per ViverePesaro.it