Ventura: “Voglio riprendermi quello che ho lasciato, ho tanta voglia di tornare ad allenare”

Ventura

L’ex ct della Nazionale Italiana Giampiero Ventura ha parlato ai microfoni di Radio Crc in merito alla sua negativa esperienza sulla panchina azzurra.

Deluso, arrabbiato o tradito? La mia figura la associo a tutti e tre gli aggettivi, ma non voglio argomentare per non scendere nei dettagli. Al momento vorrei evitare, poi ci sarà tempo e modo, ma il mio obiettivo è riprendermi quello che ho lasciato. Ho vissuto 30 anni di calcio in maniera corretta e professionale raggiungendo risultati sportivi ed economici per cui vorrei semplicemente riprendere a fare ciò che so fare. Ho tanta voglia di tornare ad allenare, ma non allenerò mai più una Nazionale. Non vivere la squadra tutti i giorni non è il mio lavoro: io devo stare sul campo, prendere giovani e farli diventare importanti, lavorare giorno per giorno con tutto il gruppo, è questo il mio lavoro“.

“In uno sport di squadra non c’è mai una persona che da sola riesce a vincere e se non vince da sola, non può neppure perdere da sola. Però, non entro in questi discorsi, dico solo che spero di far parte del prossimo campionato. Con mia grande sorpresa, ho avuto più di un contatto con squadre di Serie A, ma non mi posso permettere di sbagliare. Dico però che ho una grande voglia di rimettermi in gioco e rispondere non a parole, ma sul campo”.

“Spero che la mia vacanza finisca presto. Questo campionato mi è piaciuto perché per la prima volta la lotta è stata aperta fino alla fine per lo scudetto, per la Champions, per l’Europa League e per la retrocessione. La serie A è stata di una competitività incredibile e per questo il campionato più affascinante dell’ultimo decennio. Prendendo Ancelotti, De Laurentiis ha voluto dare uno scossone al campionato. Ha lanciato un messaggio dicendo che non si accontenta più di giocare bene e arrivare secondo, adesso vuole vincere. Poi però, dopo i messaggi lanciati devono esserci i fatti e quindi una campagna acquisti importante che permetta all’allenatore di vincere lo scudetto.L’obiettivo del Napoli non deve essere piu’ entrare in Champions, ma vincere lo scudetto. Quando si dice che bisogna abituarsi a vincere, in realtà c’è un fondo di verità. Il Napoli quest’anno ha perso due partite dovute alle vittorie della Juventus: contro la Roma e contro la Fiorentina. Il risultato della Juve ha inciso sull’aspetto psicologico della squadra ed è qui che il Napoli deve fare un altro piccolo passo avanti“.

Quando allenavo il Napoli eravamo all’inizio della costruzione della squadra, ma in breve tempo il club ha fatto una crescita esponenziale e vanno fatti i complimenti alla società. Ora, manca la ciliegina: vincere qualcosa per raccogliere tutto quanto seminato in questi anni. Con Ancelotti, De Laurentiis ha lanciato un messaggio alla squadra, alla città, al campionato e vanno fatti i complimenti al presidente del Napoli che è diventato importante nel panorama calcistico”

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008