Van Bommel sull’Inter: “Ogni avversario ha punti forti e deboli”

Marc van Bommel, allenatore del Psv Eindhoven ha parlato nella consueta conferenza pre partita, alla vigilia della partita con l’Inter:

Sulla passato al Milan: “Al Milan è stato un bel periodo, mi è piaciuto giocarci e naturalmente l’Inter era il principale rivale. Ma questa è una partita diversa, è Champions League, noi siamo in Olanda e loro in Italia. Sono passati 7 anni, ma è sempre speciale giocare contro un avversario così”.

Sulla Champions persa con l’Inter:  “Quella del 2010 è stata la mia seconda finale da giocatore e sfortunatamente abbiamo perso contro l’Inter. Avevamo fatto un ottimo cammino fino alla finale, che abbiamo perso”.

Sul PSV: “Stiamo facendo bene, cerchiamo di fare sempre le stesse cose ma dipende dall’avversario. A Barcellona il risultato è stato esagerato perché fino a un certo punto abbiamo fatto bene. Tra una partita e l’altra cambiamo poco perché c’è voluto tempo per far capire ai miei come voglio giocare. La cosa difficile è trovare continuità indipendentemente dall’avversario”.

Sull’Inter: “Ogni avversario ha punti forti e deboli, abbiamo analizzato l’Inter. I nerazzurri, come le altre grandi squadre italiane ti dà sempre il senso che stai giocando bene, poi succede qualcosa all’improvviso che cambia la partita”. 

Su Spalletti: “Ogni allenatore prova a trasmettere il suo carattere alla squadra. Spalletti fa questo lavoro da 25 anni, Empoli, San Pietroburgo, due volte Roma. Non lo conosco benissimo e credo che ogni tanto cambi il suo modo di giocare. Il catenaccio all’italiana non esiste più e questo è un bene per il calcio italiano”.

CONDIVIDI
Direttore Responsabile Frequenza Rossonerazzurra, Blogger AC Milan, ho collaborato con MilanInside.net, redattore/inviato presso ViverePesaro.it