Marco Van Basten torna a parlare. L’ex punta del Milan ed ex allenatore dell’Heerenveen lo ha fatto durante i Mondiali. Nell’intervista concessa a La Gazzetta dello Sport, dunque, non potevano mancare dei commenti sulla Nazionale italiana.

Queste le sue parole: “L’Italia è una squadra piena di difficoltà, proprio come la mia Olanda sono entrambe rimaste fuori, solo che a voi fa più male. Siete come il Brasile e la Germania, avete vinto quattro Mondiali e vivete il calcio come una religione. Non so se ci sono giovani in grado di cambiare le cose.Al momento vedo che vi mancano quei 3 o 4 grandi campioni che prima avevate. E’ rimasto solo Buffon, che però è un portiere. Anche nel caso aveste un grande difensore, a quel punto vi servirebbero centrocampisti e attaccanti. Quelli che danno qualità e fanno girare la squadra non ci sono più, proprio come nella mia Olanda”. 

Sulla Juventus ed il campionato italiano: “Juventus che è un po’ il mio Milan. Organizzata, forte e in continua crescita, investe e resta ad alto livello. Però c’è una differenza: il Milan dominava in Europa e nel mondo, oggi quel ruolo è del Real. La Juve è una squadra d’élite, ma solo in Italia”. I rossoneri, però, stanno vivendo giorni complicati rispetto al passato: “E’ cambiato proprio tanto e mi dispiace. Il mio Milan era italiano, Berlusconi, noi tre olandesi e un gruppo fortissimo. Ora il proprietario è cinese, non lo conosco neanche. E la squadra non è quella di 30 anni fa, il livello si è abbassato moltissimo e c’è il rischio esclusione dalle coppe europee. Mi fa male pensare come Milano fosse la Madrid di oggi: il Milan vinceva la Champions e l’Inter faceva bene in Europa League”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008