A margine della cena di fine stagione organizzata dall’Auc, il tecnico dell’Udinese Luigi Delneri ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla stagione appena trascorsa e sui propri programmi futuri. Ecco quanto riportato da Tuttoudinese.it:

“Chiuso male contro l’Inter? Non bisogna creare un dramma per una partita persa. Può capitare di perdere all’ultima giornata. Sono dei risultati di fine stagione, quando le motivazioni calano. Eravamo poi senza sei giocatori, la cui assenza è pesata non poco. Bisogna avere serenità nel giudizio. Siamo a fine anno e dobbiamo giudicare giudicare tutto il campionato e non solo l’ultima partita. Certamente potevamo chiudere meglio ma valutando tutto il campionato fatto il mio giudizio è buono. Abbiamo raggiunto anticipatamente la salvezza e ciò ci ha permesso di avere quella serenità necessaria per inserire alcuni giocatori giovani come Balic. Abbiamo creato delle situazioni che poi incidono positivamente sul futuro di questa squadra. 

Ognuno di noi doveva dimostrare in questo finale la riconferma per il prossimo anno. La maglia è sempre stata sudata fino alla fine, poi è normale che si siano stati degli alti e dei bassi. In alcune occasioni potevamo lottare meglio ma ciò non toglie niente a quanto abbiamo fatto. 

E’ stata comunque un’annata nel segno dei giovani. Fofana, Jantko, De Paul, Samir, Balic nel corso di questo campionato sono migliorati tantissimo e sono riusciti a metter in mostra le loro qualità. C’è stata una crescita importante da parte di tutti. Bisogna considerare poi che erano alla loro prima stagione in Serie A, il che non è poco.

Il mio futuro? Entro il 31 chiariremo tutto con la società e ci sarà l’ufficialità, La conferma arriverà senza grandi complicazioni. 

Obiettivi per la prossima stagione? Posso dire che vogliamo migliorare ancora, puntando a raggiungere dei traguardi importanti. Questa squadra ha un grande futuro davanti a sé. Inserendo alcuni elementi ci si potrà togliere belle soddisfazioni. Con la mentalità giusta e con l’entusiasmo possiamo essere protagonisti. Certo però che ci vuole del tempo, perché non tutto viene subito. Serve lavorare e continuare sulla strada tracciata in questa stagione. 

La cosa più bella della stagione? Essere riusciti a riavvicinare i tifosi. Per ottenere grandi risultati è fondamentale essere uniti”.


Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008