Walter Mazzarri, alla vigilia del Derby della Mole, in conferenza stampa ha analizzato la partita che aspetta la sua squadra.

Queste le dichiarazioni del tecnico granata, che ha parlato della settimana del Toro e dei dubbi di formazioni che sta cercando di sciogliere:

“Il derby si giocherà  in casa, spero che non sia solo la Maratona a incitarci per tutti i novantacinque minuti, ma che sia tutto lo stadio. I nostri giocatori hanno bisogno di questo e ci conto tanto. L’ultima partita abbiamo fatto una buona ara, a. Venti dalla fine siamo un po’ calati e il Milan ha preso un po’ il sopravvento. In una partita ci sono tante variabili. Formazione? Iago Falque negli ultimi due giorni si è allenato, ma decideremo domani se farlo giocare o no. Nel caso non ce la dovesse fare una soluzione per sostituirlo potrebbe essere Zaza. Ma abbiamo provato anche altre soluzioni, così come per i terzini. Come abbiamo affrontato la settimana? Il derby è una delle partite dove c’è poco da dire alla squadra per come è sentito qua a Torino. Anche andando a fare la spesa in settimana i giocatori hanno sentito la carica dei tifosi. Per giocare queste partite ci vogliono testa e gambe, soprattutto testa. Io di solito davanti a certe partite cerco di dare più input giusti, più consigli ai nostri giocatori. Se in una settimana tipo in allenamento fai tattica, quando giochi contro certi campioni magari ti soffermi più sui dettagli su come affrontarli. Dal punto di vista mentale parlo in maniera diversa a ogni giocatore, con i ragazzi che sono arrivati dall’estero ho cercato di capire se hanno capito cosa è per noi il derby. Come vivo io la settimana prima di queste partita? Sono un po’ abituato a viverle, cerco comunque di non pensarci troppo prima di andare a dormire altrimenti poi la notte non dormo. Se ho la sensazione che possiamo fare una grande partita? Sì. Penso che questa squadra possa partire al meglio. Una definizione per Toro e Juve? Mi aggancio a ciò che ha detto che Belotti in settimana, noi siamo passione, loro una corazzata. Oltre a passione aggiungo che noi siamo anche orgoglio. Spero che domani riusciremo a fare quello che tutti pensano e sperano, sarebbe una verifica importante per noi. La classifica sarebbe potuta essere ancora più bella per noi, affrontare la Juventus con quattro punti in più, come avremmo meritato, sarebbe stato ancora più bello. Sarebbe bastato avere un po’ di cattiveria un più davanti alla porta in certe partite. Allegri?Voglio ringraziarlo pubblicamente per le belle parole spese per me quando sono stato male”.

CONDIVIDI