Torino, De Silvestri: “Con il Cagliari è mancato solo il gol, la classifica la guardo a fine maggio”

de silvestri

La tredicesima giornata di Serie A si è chiusa con il pareggio per 0-0 tra Cagliari e Torino. Nel post partita ha parlato l’esterno granata Lorenzo De  Silvestri, di seguito quanto riportato da Toro.it.

De Silvestri parte analizzando la partita della Sardegna Arena: “Nel primo tempo ci hanno imbrigliato bene mentre nel secondo siamo usciti fuori, abbiamo creato occasioni. Di positivo c’è che non abbiamo preso gol, che in trasferta continuiamo a prendere punti e secondo me continuando a giocare così, con questa concentrazione questi 0-0 diventeranno poi degli 1-0. Da martedì (oggi, ndr) ci concentreremo sul lavoro per crescere e cercare domenica di vincere con il Genoa. La classifica? Io la guardo a fine maggio quando finirà il campionato, adesso sinceramente mi interessa guardare partita dopo partita per cercare di preparare le partite nel migliore dei modi. Non guardo più avanti del Genoa”.

“Quelli che sono entrati sono entrati bene, gli faccio i miei complimenti perché come sono entrati, Parigini, Zaza e Lukic, ci hanno dato una grossa mano. Purtroppo è mancato solo il gol ma io sono molto fiducioso. Da domani (oggi, ndr) si preparerà alla grande la prossima partita. Il tridente? Ancora faccio il giocatore, sarà l’allenatore a decidere se mandarlo in campo o meno. Chi entra deve dare il massimo sempre sia in allenamento che in partita. Tridente o non tridente bisogna dare sempre il massimo”.

De Silvestri parla anche del tecnico Mazzarri, assente in Sardegna a causa di un malore che lo ha colpito nel week-end: “Non facile perché lo abbiamo visto molto dispiaciuto, molto, di non poterci seguire. Sabato ci hanno detto che non poteva seguirci e ci è dispiaciuto vederlo così perché lui ha passione per quello che fa, è un po’ come se gli togli un giocattolo. Abbiamo provato a fare il massimo anche senza di lui. Lui è un grande motivatore e ci aiuta molto soprattutto nei momenti di difficoltà. Lui ci ha detto che Frustalupi sarebbe stato il nostro condottiero e di metterci un po’ più di responsabilità. Speriamo che in settimana possa tornare perché l’allenatore per noi è importante”.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo