Il difensore brasiliano del Torino parla della stagione appena conclusa e dichiara: “Voglio giocare ed avvicinarmi alla mia famiglia”.

Carlao, a posteriori della sua prima stagione in Serie A con la maglia del Torino, guarda al bilancio, che vede 4 presenze molto poco convincenti.

Il giocatore si racconta ai microfoni di ESPN Brasil, raccontando quella che è stata la sua stagione in Italia e la sua voglia di tornare a giocare nella sua terra natia.

Sul Brasile – “Sono da molto tempo fuori dal Brasile. Arriva il momento in cui pensi di voler rimanere più vicino alla tua famiglia. Oltre a questo voglio giocare in Brasile ad alto livello“.

Sul Torino – “Il torino mi aveva nel mirino dai playoff di Champions League con l’Apoel. 
Abbiamo risolto il tutto in due giorni, ero molto contento perchè stavo andando a giocare nel Torino e nel campionato italiano. Mihajlovic mi disse che era difficile trovare nel mercato di riparazione un difensore mancino abile ad alzare la linea difensiva. 
Sfortunantamente mi sono infortunato e sono riuscito a giocare solamente verso la fine del campionato. Dopo dieci giorni ho cercato di anticipare una palla in allenamento e sono scivolato cadendo sul braccio. Mi sono dovuto allenare per 3 mesi da solo, è stato difficile.
Sono stati sei mesi di alti e bassi e nelle partite che ho giocato penso di aver dimostato qualcosa di buono“.

Sui tifosi – “Sapevo già della storia e della tradizione del Torino, ma solo vivendola ho capito cosa significa. Non pensavo che i tifosi fossero così appassionati e caldi. Esigono molto ma sanno riconoscere quando un giocatore da tutto in campo  e lo apprezzano per questo. Mi sono divertito e ho imparato moltissimo“.

 

 

 

CONDIVIDI
Nato nel 96' nella città "Superba per uomini e per mura" il destino mi ha concesso di innamorarmi del calcio, e quindi del Genoa. Grande appassionato di sport in generale, studio Giurisprudenza all'università di Genova e provo a raccontare il calcio, una parola alla volta, un'emozione dopo l'altra.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008