Tanti auguri Papero: brillano ancora gli occhi a pensarti… eterno giovane di 28 anni

Pato Guangzhou

Il giorno: due agosto 2007. La cifra pagata per l’acquisto di un giovane: 22 milioni di euro. Età del giocatore: 17 anni, un mese dopo ne avrebbe compiuti 18. Nome: Alexandre Pato.

Uno degli attaccanti più belli che io abbia mai visto giocare. Da dove parto a raccontare? Ah sì, un predestinato.. perché? Era il sei settembre, il Milan, essendo il Papero extracomunitario, non aveva potuto tesserarlo e quindi poteva disputare solo amichevoli. Ed ecco che arriva l’esordio…

L’avversario è la Dinamo Kiev, nulla di proibitivo eppure quella partita ha un sapore inestimabile. Sei settembre 2007, un giovedì sera dopo la fine dell’estate, con Shevchenko ospite d’onore a dare il calcio d’inizio alla gara che vedeva la squadra che ha lanciato l’ucraino nel calcio e quella che l’ha consacrato. La gara termina 2-2, gol di Gilardino e proprio Pato per i rossoneri, i tifosi dopo qualche giocata si strizzano gli occhi. Anche se le giocate contro il Barcellona in Coppa Intercontinentale con l’Internacional de Porto Alegre viste su Youtube avevano già fatto innamorare tutti.

Primo anno: 20 partite con 9 goal e due assist. Seconda stagione: 42 partite con 18 goal e 6 assist. Arriva il 2010 e con esso i problemi fisici del brasiliano. Terzo anno: 30 partite con 14 goal e 1 assist. Quarto anno: 33 partite con 16 goal e 4 assist. Ora i problemi muscolari sono critici e nel frattempo le offerte fioccano dagli altri club ma per il Milan è una stella. Quinto anno: 18 partite con 4 goal e 4 assist.

Troppi stop il Milan lo cede per 15 milioni in Brasile. Tutto sommato tra le prime quattro con il Milan e il Corinthians non fa neanche malissimo. Sesto anno da professionista: 46 presenze con 14 goal e 2 assist. Sempre Brasile, dal Corinthians prestito al San Paolo. Settimo anno: 37 partite con 11 goal e 7 assist. Il calo è innegabile. Ottavo anno: 39 partite con 13 goal e 7 assist. Il calcio brasiliano è facile e ci si aspettava di più dal Papero.

Scatta la nuova occasiona, torna l’Europa: prestito al Chelsea. Arriva e segna all’esordio, tutti tornano a crederci ma tornano i problemi. Nono anno: 2 presenze con 1 goal. Non va, ci riprova con il Villareal. Dove colleziona 24 presenze condite da 6 gol e 4 assist. Se siete ancora qui dopo tutte queste statistiche, si vola in Cina.

Il Tianijin di Cannavaro lo vuole fortemente e per 18 milioni si sbarca in oriente. Qui sta andando benino, in 21 partite ha segnato 12 gol e collezionato 2 assist. Sono tanti ma è pur sempre la Cina, Pato è un altro di quelli che poteva diventare e non lo è diventato. Quelle giocate nel derby non possono passare inosservate, quel goal al Barcellona dopo nemmeno un minuto non si può dimenticare…. Oggi compi 28 anni e possiamo farti solo gli auguri di trovare tutta la serenità che meriti, senza quelle voci strane sul tuo fisico lanciate ai tempi dell’addio a Milano, senza quell’odio messo in alcune dichiarazioni contro la vecchia società rossonera, senza rimpianti per quello scambio mancato con Tevez, senza nulla… Solo tantissimi auguri Papero!
APRI un CONTO con bet365 e RICEVI IL SUPERBONUS per i nuovi giocatori del 100%.

CONDIVIDI
Pasquale Rosolino, 92 d'annata. Editore di Novantesimo.com. Troppo malato di calcio, se non sto scrivendo ne sto parlando e se non ne sto parlando? Sto sognando! Editor per Visit Naples.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008