Una storia infinita, una matassa nella quale si fatica a trovare il bandolo. La storia fra Tacopina e il Catania è intricata e complessa.

Dopo la firma del contratto preliminare la strada sembrava in discesa ma i tempi burocratici italiani hanno rallentato il tutto.

Prima l’Agenzia delle Entrate che solo qualche giorno fa ha dato esito positivo alla richiesta inoltrata diversi mesi fa dal club dell’elefante. Adesso tocca al comune di Mascalucia che comunque sembra non voler fare sconti.

Aspettando quest’ultimo esito allora slitterà per l’ennesima volta il closing. Fissato inizialmente a marzo e poi slittato il 25 Aprile.

Tacopina vorrebbe che il debito si riducesse di altri 4 milioni ma questa sembra una cifra in questo momento fuori portata. I rossazzurri si accingono adesso ad affrontare i playoff con il pensiero a un closing che viene nuovamente rinviato.

CONDIVIDI
Edoardo Sergi, classe 1998 nato a Catania. Studio Economia Aziendale presso l'Università degli studi di Catania. La mia più grande passione è quella di scrivere e raccontare storie di sport.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008