La SPAL nella prossima partita in programma il Cagliari di Rastelli; il tecnico dei ferrraresi Leonardo Semplici ha parlato in conferenza stampa. “Le problematiche principali sono tante, il Cagliari – si legge su lospallino.com – è un gruppo che lavora con lo stesso tecnico da tempo e bisognerà affrontare l’impegno con umiltà. Giochiamo in casa, ma sappiamo che di fronte troveremo una squadra con grandi valori. Secondo me è una partita ancora più complicata rispetto a quella con l’Inter. Negli ultimi anni il Cagliari ha fatto bene, è una formazione esperta e dobbiamo stare molto attenti. E’ vero che veniamo da una buona prestazione, ma dobbiamo fare una partita da SPAL. Questa partita fa parte di un percorso, sicuramente è una gara importante e lo è altrettanto continuare con queste buone prove per vincere. Ma il risultato non può fare la differenza, noi dobbiamo pensare anche a crescere per poi raggiungere il nostro obiettivo”.

Sulle prime prime partite disputate fino ad ora dai suoi ragazzi in Serie A:“L’esperienza del passato ci è servita per ambientarci in questa nuova categoria e sicuramente i nuovi ci hanno dato una mano. Ma lo scorso anno, in cui siamo stati sia inseguitori che inseguiti, ci è sicuramente servito per partire nel migliore dei modi”.

Che Cagliari si aspetta Semplici? ”E’ una squadra aggressiva con grandi qualità nel reparto avanzato. Sviluppa un buon gioco con Sau e Joao Pedro e con l’arrivo di Pavoletti può alternare diversi tipi di giocate. Dovremo stare molto attenti, ma soprattutto bisognerà avere grande personalità per riuscire ad ottenere il risultato con efficacia. Annullare i sardi sarà impossibile, ma limitarli è nelle nostre possibilità”.

Sulla formazione che domani scenderà in campo: “In allenamento non abbiamo modificato nulla tatticamente rispetto all’impegno con l’Inter, anche se contro il Cagliari affronteremo due punte e qualcosa bisogna cambiare di sicuro. Grassi, Felipe e Antenucci? Li considero titolari come gli altri, il loro momento arriverà”.

Contro il Cagliari il grande ex di giornata sarà Marco Borriello: “Come l’ho visto in settimana? Sta crescendo, sente sicuramente la partita e vorrà fare bene, ma come in tutte le altre occasioni. Per noi gli attaccanti sono fondamentali, così come Paloschi. Quando non si fa gol è normale essere meno sereni, ma il ragazzo si è allenato con grande intensità. Domenica abbiamo avuto due occasioni grazie a lui, quindi sono sicuro che potrà darci un contributo importante. Antenucci lo scorso anno ha avuto lo stesso percorso, poi ci ricordiamo tutti cosa ha fatto. Bisogna avere pazienza, Paloschi si sta applicando con grande ferocia perché sa cosa ci si aspetta da lui”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008