Spal, Ag. Meret puntualizza: “Rientrare ad Udine e restare a giocare lì”

Attraverso i microfoni di Tuttomercatoweb Andrea Pastorello, agente di Alex Meret attuale portiere della Spal ma di proprietà dell’Udinese, ha analizzato i possibili scenari che possono aprirsi riguardo il futuro del proprio assistito.

Per prima cosa ci racconta chi è Meret e secondo lei a chi assomiglia?
Come tipologia di portiere mi viene in mente Handanovic. E’ un portiere molto forte tecnicamente, ha una struttura fisica importante ma nonostante questo riesce a muoversi con un’agilità fuori dal comune, come dimostra l’efficacia sulle palle basse che spesso risultano problematiche per profili come il suo. E poi è un professionista sotto tutti gli aspetti”.

Dopo l’infortunio che lo ha tenuto fuori per diversi mesi, la maglia da titolare della SPAL. Com’è andato l’impatto con la Serie A?

“Devo essere sincero, mi ha sorpreso la facilità con cui è entrato in squadra non sentendo assolutamente il salto in Serie A. Impattare così in Serie A a campionato in corso, quasi senza accorgersene, secondo me fotografa bene quella che è la sua forte personalità”.

Capitolo futuro. Cosa prevede per quello che a detta di molti è il competitor di Donnarumma per la porta dell’Italia?
“Con l’Udinese abbiamo deciso di intraprendere un percorso comune. L’idea, oggi, è quella di rientrare a Udine e restare a giocare lì. Ma come detto lavoriamo insieme e il futuro sarà deciso con calma”.

Fra i suoi giovani assistiti italiani, c’è qualche altro giocatore che secondo lei ha la stoffa per arrivare in alto?
“Faccio due nomi, entrambi del 2002. Il primo è Franco Tongya, attaccante che sta facendo benissimo con le  giovanili della Juventus. L’altro è Nicolò Cudrig, attaccante dell’Udinese”.

CONDIVIDI
Classe 1994, studia Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Sabino di nascita e napoletano di adozione, coltivo la passione per il calcio e per la scrittura tanto da analizzare tutto ciò che ruota intorno a tale sport. Obiettivi futuri? Descrivere un calcio che unisce e da speranza a tutte le persone, senza differenze tra colori e categorie.