A sole tre giornate dalla fine la lotta salvezza, o meglio la lotta per rimanere in Serie A è più viva che mai, in particolar modo per quanto riguarda il terzultimo posto.

Aritmeticamente parlando sono otto le squadre ancora a rischio retrocessione anche se per due di esse il destino sembra quasi segnato (Bologna in positivo e Hellas Verona in negativo). Ma andiamo a vedere, con ordine, nel dettaglio tutte le società che ancora si stanno giocando la permanenza nella massima serie.

Stadio bologna Dall’Ara12) BOLOGNA – 39 PUNTI

I felsinei sono letteralmente ad un passo dalla salvezza e fanno parte di questo elenco per puro dato statistico, visto che le possibilità di un’ipotetica retrocessione tendono allo zero. Nonostante ciò, i rossoblu rappresentano un elemento fondamentale in questa pazza corsa per la A. Infatti, togliendo la prossima partita ovvero la durissima trasferta in casa della Juventus, i ragazzi di Donadoni dovranno affrontare in casa il Chievo, attualmente terzultimo, e un’altra squadra a rischio retrocessione vale a dire l’Udinese alla Dacia Arena, anche se a quel punto del Campionato gli uomini di Tudor potrebbero già aver conquistato la certezza matematica.

PROSSIMI IMPEGNI: Juventus (T), Chievo (C) e Udinese (T)

Sassuolo13) SASSUOLO – 37 PUNTI

Gli emiliani reduci da un pesante 4-1 a Crotone viaggiano comunque in acque tranquille grazie alle due vittorie consecutive conquistate in precedenza contro Verona e Fiorentina. Sebbene questo vantaggio di sei punti dalla terzultima, il Sassuolo ha un calendario abbastanza complicato che comincia in casa contro una Sampdoria senza troppe pretese per poi continuare con un doppio impegno molto duro con Inter a Milano e la Roma in casa, entrambe probabilmente ancora in corsa per un posto in Champions League. A favore dei ragazzi di Iachini ci sono di sicuro le situazioni ancora più gravi da parte della concorrenza anche se nulla è ancora conquistato finché la matematica non dice la sua.

PROSSIMI IMPEGNI: Sampdoria (C), Inter (T) e Roma (C)

 

14) UDINESE – 34 PUNTI

Se si dovesse tenere conto delle ultime 15 partite, l’Udinese sarebbe fanalino di coda con 5 punti e a meno sette dalla salvezza. Per fortuna dei bianconeri il campionato comprende anche le precedenti quindici ma la sostanza non cambia: vittoria che manca dal 28 gennaio e 13 partite di fila senza i tre punti. L’arrivo di Tudor al posto di Oddo ha portato ad un misero punto in casa di un Benevento già retrocesso ma la testa è già alle prossime sfide e mettere in croce l’ex tecnico Spalato è del tutto inutile e insensato. Si parte con una sfida interna non semplice contro l’Inter, affamata di vittoria dopo il 2-3 subito contro la Juventus, per poi continuare con la trasferta a Verona contro l’Hellas, fondamentale più per gli scaligeri che per i friulani stessi, e infine un’apparente tranquilla sfida di fine campionato contro un Bologna che cercherà di onorare il proprio cammino stagionale in casa. Verosimilmente sarà la 37esima giornata (trasferta al Bentegodi) a rendere noto l’esito finale dell’Udinese.

PROSSIMI IMPEGNI: Inter (C), Hellas Verona (T) e Bologna (C)

FC Crotone15) CROTONE – 34 PUNTI

Stessi punti dell’Udinese ma con la consapevolezza di stare bene e avere la possibilità di raggiungere l’obiettivo più vicina del previsto. Dopo il miracolo dello scorso anno, i pitagorici inseguono ancora una volta il sogno salvezza ma con più chance della stagione precedente. Si parte con una partita di importanza vitale contro il Chievo al Bentegodi prima della dura gara interna contro la Lazio in piena corsa Champions ma che evoca bei ricordi visto che l’anno scorso è stato proprio contro i biancocelesti che i rossoblu conquistarono vittoria e un’insperata salvezza. Tornando al presente ma con un occhio al futuro, la 38esima giornata si giocherà a Napoli che vorrà chiudere tra gli applausi se non addirittura giocarsi il titolo in caso di passi falsi della Juventus.

PROSSIMI IMPEGNI: Chievo (T), Lazio (C) e Napoli (T)

Cagliari16) CAGLIARI – 33 PUNTI

Gli isolani son senza dubbio la squadra con il calendario più duro tra tutti. La Roma in casa, la Fiorentina in trasferta e l’Atalanta tra le mure amiche rappresentano un cammino a dir poco in salita che preclude le possibilità di salvezza da parte del Cagliari. La speranza è l’ultima a morire ma le recenti prestazioni dei ragazzi allenati da Lopez non fanno ben sperare. Da tenere più stretto possibile il distacco che c’è con il Chievo terzultimo ovvero di due punti.

PROSSIMI IMPEGNI: Roma (C), Fiorentina (T) e Atalanta (C)

17) SPAL – 32 PUNTI

La vittoria al Bentegodi contro l’Hellas ha magicamente riacceso le speranze per gli spallini, tornati in A dopo quasi mezzo secolo ma con l’intenzione di restarci. La 36a giornata presenta un incontro agevole contro il Benevento in casa mentre quelle successive sono contro il Torino in trasferta e la Sampdoria in casa, ambedue senza obiettivi. La spinta del Paolo Mazza in due partite su tre potrebbe essere la chiave del successo.

PROSSIMI IMPEGNI: Benevento (C), Torino (T) e Sampdoria (C)

Chievo18) CHIEVO – 31 PUNTI

Alzi la mano chi si aspettava il Chievo al 18esimo posto a 270 minuti dalla fine. Probabilmente in pochi ed è infatti una sorpresa vedere una squadra del genere obbligata agli straordinari per restare in Serie A. La prossima giornata vede gli uomini di D’Anna, subentrato a Maran subito dopo la sconfitta contro la Roma nell’ultimo turno giocato, il Crotone in casa per una sfida che può valere una stagione. Si prosegue poi per Bologna, avversario senza troppi problemi, e il Benevento in casa per l’ultima apparizione dei giallorossi prima di tornare in cadetteria.

PROSSIMI IMPEGNI: Crotone (C), Bologna (T) e Benevento (C)

Tifosi Hellas Verona19) HELLAS VERONA – 25 PUNTI

Nemmeno il più ottimista tra i tifosi scaligeri starà pensando anche solo lontanamente alla salvezza ma nel calcio, come ci ha dimostrato il Crotone solo la passata stagione ma anche la Roma in Champions League, tutto è possibile. L’Hellas è quasi destinata a pagare a lungo la recente sconfitta interna contro la SPAL che ha fatto sì che i biancoazzurri allungassero ma soprattutto che il Verona rimanesse inchiodato in questa scomodissima situazione. A complicare le cose c’è la trasferta a Milano contro il Milan in occasione della 36esima giornata mentre l’ultima in casa è programmata la settimana dopo contro l’Udinese. Si chiude il campionato all’Allianz Stadium con la Juventus che, indipendentemente dalla probabile vittoria dello Scudetto, dovrà festeggiare l’ultima di Buffon senza regalare punti. Il vero problema è che gli uomini di Pecchia, anche se riuscissero a conquistare 9 punti su 9, non sarebbero comunque certi della salvezza.

PROSSIMI IMPEGNI: Milan (T), Udinese (C) e Juventus (T)

Ci si aspetta un finale di stagione rovente con 270 minuti da vivere non solo tra le zone alte della classifica ma soprattutto nella zona rossa. Una lotta salvezza più che viva che mai.

CONDIVIDI