La Serie A potrebbe presto cambiare format, almeno per quanto riguarda gli orari televisivi. Questo è quanto traspare dalle parole di Luigi De Siervo, amministratore delegato di Infront (società che detiene i diritti della Lega Serie A), rilasciate al Corriere dello Sport:

“In luglio, presenteremo un quadro completo alla Lega. Non replicheremo il modello spagnolo di 10 partite in dieci orari diversi, ma intendiamo migliorare e rendere televisivamente più appetibile il prodotto. Attualmente il calcio italiano guadagna dalle tv circa un miliardo e 200 milioni di euro. Intendiamo incamerare almeno 200 milioni in più”.

Secondo quanto riporta Calciomercato,it, la nuova tabella sarà composta da un anticipo al venerdì sera, un match di sabato alle 12.30, le due solite gare del sabato alle 18 e alle 20.45, il classico lunch-match delle 12.30, tre partite la domenica alle 15, una la domenica alle 18, il posticipo delle 20.45 ed un Monday Night come in Premier League.

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Diplomato al Liceo Linguistico, attualmente studio Economia e Management ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008