Il laterale spagnolo Lirola, di proprietà della Juventus, ma in prestito al Sassuolo, si racconta in un’intervista a Goal. Molteplici gli aspetti toccati dal giocatore partendo dall’emozione per la chiamata della Juventus all’attualità nero-verde con Acerbi nel ruolo di esempio da seguire. Il laterale ha ammesso di guardare con ammirazione a Dani Alves e Lichsteiner.

Ecco l’intervista integrale del classe 97:

Pol, partiamo dall’inizio: ti ricordi quando ti han detto “ti vuole la Juve”? Cosa hai pensato?Certo che me lo ricordo – racconta in esclusiva a Goal – Dopo una partita con l’Espanyol, il mio procuratore viene da me e mi dice: “C’è l’osservatore della Juve: ti vogliono subito a Torino, già a gennaio”. Non l’ho neanche fatto finire di parlare, avevo praticamente già fatto la valigia! Un’emozione incredibile sapere che un club così importante mi volesse, non ci ho pensato due volte”.

Com’è stato il primo impatto con Torino?All’inizio è stato difficile, perché non parlavo la lingua. Mi son trasferito dalla Spagna da solo, vivevo in convitto e faticavo ad ambientarmi. Poi fortunatamente ho cominciato a imparare velocemente l’italiano e tutto si è sistemato. Adesso sto benissimo, mi sono ambientato  alla grande, vivo da solo e spesso mi vengono a trovare familiari e amici, dunque è tutto più semplice”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008