Sassuolo, Iachini: “Contro il Chievo c’è bisogno di segnare e di fare una grande partita. Dobbiamo far girare la ruota nel verso giusto”

Si è disputata oggi la conferenza stampa del tecnico del Sassuolo Giuseppe Iachini, che, alla vigilia del match di campionato da disputare contro il Chievo Verona, si è presentato in sala stampa per rispondere alle domande dei giornalisti presenti.

L’allenatore neroverde ha iniziato facendo un’analisi dell’incontro di domani ed elencando una serie di fattori che saranno fondamentali, dicendo che bisognerà segnare e fare una grande prestazione per battere una squadra fisica e con intesa come quella clivense. Successivamente, l’ex Udinese e Palermo ha parlato della classifica, dicendo che la situazione non è delle migliori e che, per migliorarla, bisogna far girare la ruota nel modo giusto, delle scelte tattiche future e delle condizioni meteorologiche durante questa settimana, concludendo poi con qualche parola riservata anche alle Elezioni che si svolgeranno proprio domani.

Ecco le parole di Iachini, riportate da radiogoal24.it:

“Tutte le partite non si dovrebbero sbagliare, conterà molto la prestazione della squadra, che a volte c’è stata ma senza raccogliere frutti. Servirà una partita ancora più attenta, perché giochiamo contro una squadra che si conosce bene, che ha lo stesso stesso allenatore da anni, una squadra esperta e fisica. Servirà una grande partita e dovremo abbinarci quello che è mancato in quelle scorse, mettere la palla dentro è fondamentale per fare punti”.

Sulle condizioni meteorologiche di questa settimana:

“Ci siamo allenati bene, abbiamo qualche situazione da verificare a livello fisico. Ora conta il campo, dovremo avere organizzazione, personalità, concentrazione. Moralmente il gruppo non è così felice, quando lavori, spingi e non ottieni quello che meriti, non puoi esserlo, nei campionati ci sono momenti in cui le cose non girano per il verso giusto anche negli episodi singoli, sta a noi far girare la ruota nel verso giusto, attraverso il lavoro, la mentalità e gli atteggiamenti”.

Su un possibile cambio di modulo:

“Dipenderà anche dai ragazzi che avrò a disposizioni, stiamo portando avanti diverse soluzioni tattiche, come sempre. Abbiamo una squadra con tanti giovani, che affrontano per la prima volta questo campionato, quindi è normale che ci sia qualche errore. Dobbiamo continuare a lavorare per coniugare prestazioni e risultati”.

Sulla situazione in classifica:

“Quando sono arrivato la situazione era questa, poi abbiamo avuto un filotto di partite in cui abbiamo coniugato prestazioni e risultati, andando avanti abbiamo fatto buone partite ma siamo state penalizzati dal risultato. Siamo aumentati in pericolosità, ma dobbiamo rimanere equilibrati e continuare a spingere. La ruota tornerà a girare. Abbiamo giocato con tre punte senza fare gol, non c’è una regola scritta, magari giochi senza punte e vinci. Dobbiamo mantenere l’applicazione giusta e non guardare la classifica”.

Sulle scelte tattiche:

“Noi giochiamo sempre con un centrocampo a tre che diventa a cinque in fase di non possesso, quindi a centrocampo la superiorità numerica c’è, ma dobbiamo migliorare come verticalizzazione e ultimo passaggio. Abbiamo ragazzi che hanno qualità, ma sono anche molto giovani. Cresceranno e avranno più sicurezza”.

Sull’impossibilità di andare a votare per molti sportivi:

“E’ una cosa che poteva essere valutata, magari allungando il periodo delle votazioni. Non sono mai entrato in questi discorsi politici, non fa parte della mia competenza”.

CONDIVIDI