Il tecnico della Sampdoria, Marco Giampaolo, ha parlato in conferenza stampa in vista della sfida contro il Chievo. Queste le sue parole riportate da TMW: 

Che reazione si aspetta dopo la sfida di domenica?
“Noi abbiamo un duplice obiettivo. Il primo è ripulirci un po’ rispetto all’ultimo risultato di Roma, il secondo è rimanere nella parte sinistra della classifica. La squadra deve avere la forza per consolidare questo decimo posto. Dalla squadra mi aspetto una prova di grande orgoglio e attaccamento. Mi aspetto una prova intensa sul piano nervoso perchè non dobbiamo dimenticare che la maglia della Samp ha un peso e un valore. La squadra ha il dovere di riscattarsi attraverso una prova convincente, e non parlo di risultato ma di orgoglio personale, della difesa di una bandiera”.

La settimana è stata più delicata?
“Ho parlato di responsabilità, di riscatto e di orgoglio. Alla squadra ho detto le stesse cose che sto dicendo a voi. Il giocatore prima deve essere un uomo e poi un calciatore. La paternità della sconfitta di Roma è mia, ma dalla squadra domani mi aspetto una risposta caratteriale. Se così non fosse rimarrei deluso”.

TMW: che avversario si aspetta domani?
“Difficile perchè è una squadra mestierante. Non mi interessano questi aspetti ma constatare una prova seria e di riscatto serio. Sono molto attento a questo”.

Quando succedono delle partite come quelle di domenica quanto è importante dare un messaggio alla squadra di coerenza nel lavoro che si fa?
“La coerenza che cos’è? Se io domani vengo e alleno la squadra in maniera diversa a quanto ho sempre fatto, assumo un altro atteggiamento. Significa fare le cose per bene fino all’ultima giornata di campionato”.

Regini al centro al posto di Skriniar e sulla sinistra?
“O gioca Pavlovic e Dodò”.

Dodò?
“Alla fine dell’anno faremo una riunione sulle considerazioni sullo staff tecnico, medico, sui calciatori e cosa fare per migliorare. Poi il club ha il potere decisionale sulle cose”.

Come mai Simic non è ancora pronto?
“Una valutazione su Simic la potrò dare il prossimo anno dopo la fase di preparazione. Skriniar e Silvestre sono due mostri sacri poi ho avuto Palombo e Regini. Il ragazzo ha tantissime qualità ma la valutazione la

TMW: con il reintegro di Muriel c’è abbondanza in attacco.
“Son contento. Più ne ho a disposizione e più son contento. Di sicuro non ha l’autonomia per fare tutti i novanta minuti. Lo utilizzerò, non so se dal primo minuto o a gara in corso”.

CONDIVIDI
Campano di nascita e siciliano d'adozione, classe 93' e passato da terzino destro. Ho successivamente capito che rendo meglio da giornalista che come calciatore.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008