Il tecnico della Sampdoria, Marco Giampaolo, ha parlato in conferenza stampa in vista della sfida contro il Milan. Queste le sue parole riportate da Tuttomercatoweb.com: 

Cosa è cambiato con la Samp del Benevento?
“Nulla perché penso che la squadra abbia ripreso il percorso prima della sosta, ritroviamo il nostro stadio e il nostro pubblico e credo sia una soddisfazione per loro che hanno viaggiato molto”.

Cos’hanno detto i dati d chi ha giocato di più?
“Farò giocare la formazione migliore per questa partita, chi doveva riposare ha riposato. Giocheranno gli undici che sul piano fisico e mentale saranno in grado di giocare un impegno importante contro una squadra forte”.

Milan squadra da costruire?
“Ha un’impalcatura di gioco già definita, dovremo noi fare una grande gara probabilmente andando a superarci. E’ una squadra che ha il miglior possesso palla dopo il Napoli, dovremo essere bravi a interpretare la gara, dovremo andare oltre le nostre le possibilità”.

Il Milan ha cambiato in questa gare.
“Gioca con la difesa a tre che io credo sia la migliore, mi aspetto un Milan come nelle ultime partite, con possesso palla. Poi se facciamo le cose per bene noi possiamo dire la nostra”.

Il ko del Milan con la Lazio?
“Abbiamo visto le loro partite. Ho chiaro cos’è il Milan, spesso usa il portiere per ribadire il possesso palla nella gara. I ragazzi penso abbiano capito che partita dobbiamo fare, poi c’è cuore, passione, entusiasmo e il nostro pubblico”.

Delusione o rammarico per la partita di Verona?
“Dovevamo vincerla per quanto fatto nel secondo tempo, ma non è mancata la volontà di andare a cercare la vittoria. C’è un po’ di rammarico per non aver avuto il risultato sperato, poi se l’asticella è molto alta il pareggio di Verona va preso in un determinato modo. Molti alzano e abbassano per convenienza, io non la sposto”.

Poco tempo per preparare il Milan?
“Ho massacrato i ragazzi con i video, perché avevamo poco tempo per stare in campo”.

Le parole del presidente che ha detto che non si divertirebbe ad allenare una squadra con giocatori già definiti?
“Ci sono anche delle verità in quello che ha detto il presidente. Ho 50 anni, sto bene alla Samp ma per un futuro ipotetico mi piacerebbe allenare l’Inter per poi fare una scuola calcio”.

Quella di domani è una sfida per l’Europa?
“Per il Milan che ha speso tanto sì, per la Sampdoria si vedrà”.

Ferrero ha parlato di Europa.
“Se la raggiungeremo avrà avuto ragione lui, altrimenti avrò sbagliato io qualcosa rispetto alle parole del presidente”.

CONDIVIDI
Campano di nascita e siciliano d'adozione, classe 93' e passato da terzino destro. Ho successivamente capito che rendo meglio da giornalista che come calciatore.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008