Sampdoria, Bereszynski sul futuro: “Mi piacerebbe andare in Premier League”

Il giocatore della Sampdoria, Bartosz Bereszynsk, ha parlato ai microfoni di Sport.pl in merito al suo momento in blucerchiato. Queste le sue parole riportate da sampdorianews.net:Ho migliorato il gioco difensivo, soprattutto l’uno contro uno. Dopo questo anno e mezzo trascorso in Italia, sono un giocatore migliore. Trasferirmi alla Sampdoria è stata la scelta migliore possibile. Sono felice perché è stata anche una scelta pienamente consapevole. Quando, all’inizio di gennaio 2017, lasciai il Legia, sarei potuto andare in un altro club, anche all’Aston Villa. Ho scelto il club blucerchiato e come difensore non avrei potuto ottenere di meglio. 

Giampaolo è un maniaco delle tattiche. Controlli, diagrammi, divisione in gruppi. Ogni giorno, decine di minuti per muoversi sul campo senza toccare la palla. Non si può dire che questo metodo piaccia molto ai giocatori, perché è un lavoro molto noioso. Ma poi vedi i suoi effetti sul gioco in partita – vincere per esempio 3-0 contro questo Napoli – allora pensi: sì, valeva la pena correre per ore”.

Quale sarà il futuro di Bereszynski? : “Non lo so, forse in MLS? Ma prima, naturalmente, mi piacerebbe andare più in alto. È sempre stato il mio sogno giocare in Premier League. Sarebbe bello trasferirmi a un livello ancora più alto, cioè sentire sulla propria pelle l’atmosfera che prevale in Inghilterra e che mi piace così tanto. Ma, come ho detto, nulla in maniera forzata. È difficile arrivarci dal campionato polacco, ma la Serie A è un campionato molto buono per prepararti. Sono pronto, ma non ho fretta di trasferirmi. Sto crescendo in Italia, abbiamo una bella squadra e molto da vincere. La Samp è un posto fantastico in cui crescere. Se guardiamo alla sua politica di trasferimenti, vedremo che in una sola finestra vende due o tre giocatori per una dozzina, a volte diverse decine di milioni di euro. Quindi, in effetti, vende i suoi migliori giocatori”.

CONDIVIDI
Campano di nascita e siciliano d'adozione, classe 93' e passato da terzino destro. Ho successivamente capito che rendo meglio da giornalista che come calciatore.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008