Al termine della partita contro il Verona, il tecnico della Roma Di Francesco ha risposto alle domande dei giornalisti di Premium Sport, di seguito le sue parole:

Queste sono partite da vincere?
“A volte anche quando pareggi non fai il tuo, vanno vinte e sono determinanti per ripartire. Potevamo fare qualche gol in più, forse ce li siamo tenuti per le prossime perché gli attaccanti hanno lavorato bene. El Shaarawy e Under hanno fatto benissimo e meritavano il gol”.

Quando si gioca così è più facile
“Dal punto di vista atletico si può solo migliorare, tanti non avevano giocato dal primo minuto ma è relativo perché se vai in vantaggio tutto è facilitato, sono soddisfatti della prestazione, oggi abbiamo creato tanto ed è quello che volevamo”.

Non vi fermerete 
“Abbiamo già la testa a Benevento, c’è una gara dietro l’altra, abbiamo una gara in meno e guardare la classifica tra virgolette in questo momento fa male”.

Cosa può dirci sulla prestazione di Dzeko?
“Ha giocato per la squadra, ha fatto due gol ma poteva farne due-tre in più. Sono molto sereno, ci siamo chiariti e il suo era uno sfogo legato alla sua prestazione, si va alla ricerca di qualcosa che non c’è, il calcio è anche sofferenza e con l’Atletico abbiamo fatto un buon primo tempo e abbiamo avuto 20 minuti di sofferenza ma sono soddisfatto della squadra”.

La squadra sta bene fisicamente
“C’è stata crescita anche fisica dei calciatori anche per come si era messa la gara, ho fatto giocare tanti giocatori diversi, ho sacrificato spesso Defrel, abbiamo avuto qualche difficoltà invece oggi la squadra ha forzato quelle linee di passaggio che fanno parte dei miglioramenti del gioco”.

Il ritorno di Florenzi è importante?
“Sicuramente sì, ce lo teniamo stretto, doveva giocare già con la Sampdoria, mentre con l’Atletico ero più scettico per la forza dell’avversario, è in crescita costante, sta recuperando quelle sicurezze che aveva perso. Sarà importante per tutti i ruoli”.

C’era molto scetticismo in questi giorni
“Fa parte del nostro lavoro, ci accompagnerà sempre, voglio essere solo positivo, queste gare ci devono aiutare a portare la gente allo stadio, facendo giocate con spensieratezza, così ci toglieremo grandi soddisfazioni”.

Sul gol di Nainggolan?
“Parte da un concetto di sviluppo, dalla capacità di portare in attacco più uomini. Fino ad ora lo abbiamo fatto poco, ci stiamo lavorando. In questa partita si è evidenziato maggiormente e sono state create queste linee di passaggio dove Nainggolan è bravo”.

Pellegrini importante in entrambe le fasi
“L’ho voluto fortemente, era un capitale della Roma, con me è stato due anni, è cresciuto tantissimo, è un capitale non solo della Roma ma anche della nazionale. Ha grandi potenzialità ma deve lavora con l’umiltà che l’ha contraddistinto”.

Schick partirà titolare col Benevento?
“Non è pronto per partire dall’inizio, si è allenato troppo poco con noi”.

4-3-3?
“Giocherò col 5-3-1 così son tutti contenti”.

CONDIVIDI
Ama il calcio in ogni sua forma, che sia su erba, in spiaggia, in un palazzetto, a 5, a 11 o anche quello "da divano" su FIFA.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008