#RomaInter 2-2, pareggio scoppiettante all’Olimpico

Le sconfitte in Champions League per Roma e Inter obbligano ad entrambe le squadre di alzare la china e trovare la forza chi per migliorare una classifica sotto le aspettative e chi per tenere il passo della Juventus, in attesa del Napoli a Bergamo.

Dopo quindici minuti a ritmi bassi dove prevale la tecnica ci prova Florenzi, da capitano, a dare una scossa ai suoi con un tiro da fuori ma respinto bene da Handanovic. Al ventesimo D’Ambrosio serve Perisic che stacca su Santon ma spedisce la sfera sopra la traversa. 

La grande chance del primo tempo arriva per Florenzi che colpisce il decimo palo della stagione della Roma sfruttando una giocata strepitosa di Schick che col tacco serve proprio il numero 24 giallorosso. Poco dopo Icardi, da posizione defilata, cerca di infilare Olsen che però non si fa sorprendere e chiude lo specchio in uscita. I padroni di casa non mollano e ci provano con un tiro potente di Zaniolo però centrale e facilmente intuibile per Handanovic. Al 36esimo presunto intervento da calcio di rigore con D’Ambrosio che sgambetta proprio il giovane ex di giornata. L’azione successiva vede ancora protagonista il terzino dell’Inter che pennella per Keita che in maniera fortuita porta avanti i suoi. Poco dopo, direttamente da calcio di punizione, Kolarov calcia potente e preciso ma Handanovic vola letteralmente a togliere un pallone destinato in rete, grande intervento dell’estremo difensore sloveno.

La seconda frazione si apre con un goal strabiliante di Under che se la sposta sul mancino e fa partire un missile: non può nulla Handanovic ed è 1-1 al 53esimo. Al minuto sessantatre ci pensa il solito Icardi, bravissimo a segnare  di testa in area di rigore su assist di Perisic direttamente da calcio d’angolo. Ma proprio da un corner, stavolta dalla parte opposta, la Roma conquista un calcio di rigore visto il tocco di gomito di Brozovic in piena area: Rocchi controlla, assegna e Kolarov realizza di precisione e potenza al 75esimo. Il finale di partita è incandescente, con azioni da una parte dall’altra ma senza ulteriori reti.

ROMA (4-2-3-1): Olsen 6,5; Santon 5,5 (70′ Kluivert 6), Manolas 6,5, Juan Jesus 5,5, Kolarov 7; Cristante 6, N’Zonzi 5,5; Florenzi 6,5, Zaniolo 7 (79′ Perotti s.v.), Under 7 (84′ Pastore s.v.); Schick 6. A disp.: Mirante, Fuzato, Fazio, Pellegrini Luca, Marcano, Riccardi, Celar. All.: Di Francesco.

INTER (4-2-3-1): Handanovic 6,5; D’Ambrosio 6,5, De Vrij 6, Skriniar 6, Asamoah 5; Borja Valero 6 (82′ Vecino s.v.), Brozovic 5,5; Keita 7 (63′ Politano 6), Joao Mario 6, Perisic 5 (82′ Martinez s.v.); Icardi. A disp.: Padelli, Berni, Vrsaljko, Miranda, Ranocchia, Gagliardini, Candreva. All.: Spalletti.

Arbitro: Rocchi (sez. Firenze)

MARCATORI: 53′ Under (ROM), 75′  Kolarov su rigore (ROM) – 38′ Keita (INT), 67′ Icardi (INT)

AMMONITI: Kolarov (ROM) – Asamoah (INT)

ESPULSI:

TOP 90ESIMO – Kolarov 7 Tanta qualità e continuità sulla fascia, bene in difesa e produttivo in attacco, trasforma anche con freddezza il rigore decisivo per il pareggio

FLOP 90ESIMO – Perisic 5 Abulico, svogliato, spesso assente: purtroppo per Spalletti ed i tifosi non è una novità di recente

CONDIVIDI