90esimo #RomaCrotone 1-0 – Giallorossi brutti ma efficaci. Decide Perotti su rigore

Perotti
Diego Perotti

I motivi per sorridere sono plurimi: l’esordio di Karsdorp, il rientro di Defrel, la miglior difesa di tutta la Serie A e i tre punti. Nel calcio contano i numeri, che sono ancora una volta dalla parte della Roma. La squadra giallorossa non incanta contro il Crotone, ma ottiene il massimo con il minimo sforzo: all’Olimpico, dove noi di Novantesimo eravamo presenti, finisce 1-0 con gol su rigore di Perotti.

La Roma ci mette 8 minuti per carburare. Kolarov sfiora l’incrocio dei pali su assist di Dzeko, poi – pochi secondi più tardi – il serbo entra in area e viene atterrato da Simic. Rigore dubbio, ma Manganiello lo assegna senza nemmeno consultare il var: dal dischetto si presenta Perotti, solito passo lento e palla all’angolino. L’argentino torna a segnare dagli 11 metri dopo il primo e finora unico errore in Serie A (un mese fa a Udine).

Roma che va vicina al raddoppio con il solito Kolarov, che, da posizione defilata, sul lato corto dell’area di rigore, colpisce il palo a Cordaz battuto. Poi si vede il Crotone: Sampirisi mette dentro per Nalini, che non trova lo specchio della porta, poi Rhoden parte alle spalle di Kolarov ma col sinistro non impensierisce Allison. Il primo tempo termina sull’1-0.

La ripresa si apre con il palo di Dzeko, l’11° in stagione per la Roma. Dal 60′, i due allenatori provano a cambiare qualcosa: Nicola rinforza la catena di destra con Faraoni, Di Francesco si affida ai fedelissimi Defrel, tornato dall’infortunio al bicipite femorale, e Pellegrini. Nei minuti finali, il Crotone lancia l’offensiva. La difesa della Roma tiene botta, l’Olimpico trattiene il fiato sul destro di Simic da calcio d’angolo, poi arriva il fischio finale. Un’altra vittoria sporca, come voleva Di Francesco.

ROMA (4-3-3): Alisson ng; Karsdorp 6 (82′ Florenzi), Fazio 6, Moreno 6.5, Kolarov 7; Gerson 6.5 (74′ Pellegrini 6), Gonalons 6.5, Nainggolan 6 (cap.); Ünder 5.5 (64′ Defrel 5.5), Dzeko 6.5, Perotti 7. A disposizione: Lobont, Skorupski, Juan Jesus, Strootman, Schick, De Rossi, Bruno Peres, Castan, El Shaarawy. All.: Di Francesco.

CROTONE (4-4-2): Cordaz 6 (cap.); Sampirisi 5, Ceccherini 5.5, Simic 5, Pavlovic 5.5; Crociata 5 (81′ Stoian ng), Mandragora 6, Barberis 5.5, Rohden 6 (60′ Faraoni 5.5); Budimir 5.5, Nalini 6. A disposizione: Festa, Latella, Viscovo, Romero, Izco, Suljic, Trotta, Cabrera, Ajeti, Nwankwo. All. Nicola

ARBITRO: Gianluca Manganiello (Pinerolo). Assistenti: Gianluca Vuoto (Livorno), Lorenzo Gori (Arezzo). Addetti al var: Rosario Abisso (Palermo), Salvatore Longo (Paola)

MARCATORI: 10′ rig. Perotti (R)

AMMONITI: 71′ Budimir (C)

TOP 90ESIMO

Roma
Kolarov 7: quando non c’è Dzeko, c’è lui. Il serbo si guadagna un rigore, prende un palo ed è sempre una spina nel fianco nella difesa del Crotone. Prima o poi dovrà riposare: sì, ma non ora.

Crotone
Rohden 6: nel primo tempo il Crotone sfonda sulla destra con due azioni pericolose. Lui c’è sempre e si porta a casa la sufficienza.

FLOP 90ESIMO

Roma
Under 5.5: torna titolare dopo quattro giornate e quei 45′ col Benevento. Anche stavolta il giovane turco sembra troppo timido, un altro giocatore rispetto a quello visto nel precampionato. Ha solo 20 anni, crescerà.

Crotone
Simic 5: tiene a bada Dzeko, ma commette il fallo da rigore che decide la partita.

CONDIVIDI