#RomaBarcellona, Di Francesco: “Ci godiamo questa impresa. Finale? Ci crediamo”

Di Francesco

E’ stata un’impresa storica quella di questa sera della Roma, che ha battuto 3-0 il Barcellona eliminandolo da questa edizione della Champions League.

E’ una di quelle imprese dal sapore speciale, che rimangono indelebili nella mente e nel cuore di tifosi e giocatori. Soprattutto perché i giallorossi, dopo lo sfortunato 4-1 del Camp Nou, erano già dati per spacciati in Spagna.

Uno degli artefici principali di questa gloriosa qualificazione alle semifinali è stato senza dubbio il tecnico Eusebio Di Francesco, che ai microfoni di Mediaset Premium ha dichiarato: “Io credo che è giusto che i ragazzi festeggino negli spogliatoi, la prima cosa che ho detto loro, oltre ad abbracciarli, che domenica c’è il derby. Abbiamo fatto una grande impresa e ce la godiamo. Il modulo? Mi sono preso le parole ingrate, le sconfitte, i commenti sui social. Non è l’aspetto tattico, ho fatto questa scelta per ripartire velocemente ed essere aggressivo, mi interessa la filosofia della squadra. In campionato abbiamo fatto bellissime partite, stiamo raccogliendo i frutti di un grande lavoro, poi io sono il tecnico e mi prendo anche i complimenti ma guardo avanti adesso. Finale? Perché non crederci alla finale di Kiev? Deve essere il nostro obiettivo, non deve essere un come va va, io non voglio accontentarmi. Schick? Secondo me è un grande giocatore, ho scelto questo modulo per aiutarlo, dargli ampiezza. Ha avuto qualità, è stato pericolosissimo e tatticamente quasi perfetto, poi il lavoro di squadra è stato eccellente. De Rossi rigorista? Lui e Nainggolan erano i rigoristi di oggi, hanno fatto quello che dovevano fare. Io sono molto professionale e il mio lavoro è davanti a tutto, per fare questo lavoro bisogna trasmettere serietà. Festeggio a casa tranquillo, poi dobbiamo guardare avanti”.

CONDIVIDI
Ho 21 anni e nella vita studio, per l'esattezza frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli. Sogno di vivere un giorno grazie al giornalismo sportivo. Amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni. Redattore anche di IamNaples.it