Dopo un anno di pausa, la Roma torna a giocare in una gara di Champions League. L’esordio nel torneo, però, non è dei più facili: questa sera i giallorossi affronteranno infatti l’Atletico Madrid di Diego Simeone all’Olimpico. Gara molto delicata in un girone di ferro che farà almeno una vittima eccellente. Andiamo a vedere come i due allenatori hanno pensato di affrontare la gara.

QUI ROMA – I giallorossi non hanno disputato la gara contro la Sampdoria sabato e avranno sicuramente approfittato del rinvio della gara per recuperare più energie possibili. Di Francesco si affida al classico 4-3-3. Davanti ad Allison ci saranno, da destra a sinistra, Bruno Peres, Manolas, Juan Jesus e Kolarov. I tre di centrocampo sono i soliti: Nainggolan, De Rossi e Strootman. Al centro dell’attacco ci sarà ovviamente Dzeko, affiancato da Defrel e Perotti. Sarà disponibile anche Florenzi, ma difficilmente verrà rischiato.

QUI ATLETICO – L’undici iniziale della Roma è praticamente certo, ma per l’Atletico Madrid ci sono ancora molte cose da decidere. Ancora tanti, infatti, i ballottaggi. Simeone opterà sicuramente per un 4-4-2, ma sono da decifrare gli interpreti. In porta ci sarà sicuramente Olbak, davanti a lui presumibilmente agiranno Juanfran, Gimenez, Godin e Filipe Luis. Il primo, però, è in ballottaggio con Vrsaljko. In mediana sulle fasce ci saranno Koke e Carrasco, con al centro Gabi e Saul. Gabi in ballottaggio con Thomas. In avanti certa la presenza di Griezmann, squalificato in campionato. Il favorito per giocare al suo fianco è Correa.

Le probabili formazioni:

Roma (4-3-3): Allison; Bruno Peres, Manolas, Juan Jesus, Kolarov; Nainggolan, De Rossi, Strootman; Defrel, Dzeko, Perotti. Allenatore: Eusebio Di Francesco.

Atletico Madrid (4-4-2): Oblak; Juanfran, Gimenez, Godin, Filipe Luis; Koke, Gabi, Saul, Carrasco; Griezmann, Correa. Allenatore: Diego Simeone.

 

CONDIVIDI
Classe 1997, studente di Culture Digitali e della Comunicazione presso l'Università Federico II di Napoli. Da sempre appassionato di calcio: milanista.