Roma, Under: “Ho ricevuto un’offerta dal City, ma non ero d’accordo. Di Francesco? Ottimo allenatore”

under

L’esterno offensivo della Roma Cengiz Uder ha rilasciato una lunga intervista al giornale turco Spor Arena Plus.

Queste le sue parole riportate da calciomercato.com: “Ho ricevuto un’offerta dal Manchester City, ma non ero d’accordo. C’era il progetto della Roma e l’atteggiamento del club e dell’allenatore è stato importante per me. Poi, con la vendita di Salah, la squadra è diventata più adatta alle mie caratteristiche. E Monchi dice che posso diventare importante per il futuro di questa squadra”.

Su Monchi: “Monchi è un nome molto importante e ha sempre avuto molta fiducia in me. Lo sento, lo avverto. Lui dice che posso diventare un calciatore importante per il futuro della Roma”.

Su Di Francesco: “Per quanto riguarda Di Francesco è un ottimo allenatore, che da tanta importanza alla disciplina e al lavoro tattico. Dà a tutti i giocatori una possibilità, si fida di loro e li ruota di continuo. Vuole sempre il massimo in allenamento e abbiamo un buon rapporto”.

Sulle difficoltà ad ambientarsi: “Il problema più grande è stata la lingua, adesso le cose vanno meglio e sono più socievole. Non ho visitato molto Roma per via del traffico e degli allenamenti, ma mi piace molto piazza di Spagna. Edin è un grande marcatore, parliamo spesso prima delle partite e mi dice cosa fare quando arriva la palla. Così posso immaginare cosa succederà e la nostra intesa migliora”.

Su Totti: “Per quanto riguarda Francesco, un giorno sono uscito dalla doccia, dopo un allenamento, e Monchi mi ha detto che dovevo incontrare una persona. Sono andato ed era Totti, ero molto emozionato. Mi sento però sfortunato a non aver giocato con lui”.

Su Messi: “Sono cresciuto guardando i suoi video. Rispetto Ronaldo, ma Messi è il migliore al mondo. Poi, mi piace molto David Silva”.

Sul suo undici ideale: “Alisson in porta, difesa con Dani Alves, Ramos, Thiago Silva e Marcelo, poi Modric, Silva, De Bruyne, Salah, Messi e Ronaldo”.

CONDIVIDI
Due cose ha in comune con Buffon: la data di nascita e la passione per il calcio. Da sempre tifoso del Milan, è un amante del calcio anni '60: a volte intervista Di Stefano e Pelé, poi si sveglia.