La Roma ha perso ieri la gara contro l’Atalanta già nel primo tempo, tramortita dal pressing asfissiante dei bergamaschi e dai gol di Cornelius e De Roon.

Kevin Strootman, centrocampista giallorosso, ha mostrato tutto il suo disappunto per la sconfitta ed il modo in cui è maturata ai microfoni di RomaTV:

“Il primo tempo è stata una vergogna. Penso sia una cosa mentale, manca la fiducia. Tutti devono prendersi responsabilità. Non ho mai fatto una partita del genere nei quattro anni qua. Abbiamo provato nel secondo tempo ma era tardi. Non so cosa sia successo dopo la qualificazione e il primo posto in Champions, è come se avessimo mollato”.

Delle dichiarazioni che potrebbero aprire nuovi scenari, soprattutto sul mercato: qualora la Roma terminasse la stagione senza portare a casa titoli, l’addio del mediano olandese potrebbe non essere così improbabile.

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Diplomato al Liceo Linguistico, attualmente studio Economia e Management ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.