Il centrocampista della Roma Kevin Strootman nella giornata di giovedì sera, poco prima del match contro la Francia perso dalla sua Olanda per 4-0, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di ad.nl.

Tra i vari argomenti trattati è spuntato quello forse più delicato per lui: il grave infortunio del marzo 2014, subito proprio nello stadio dove si è disputata la partita. E’ stato un momento difficile per lui, che lo ha spiegato tramite le seguenti dichiarazioni:

Sulla volontà di migliorarsi sempre…
“Tecnicamente, tatticamente e fisicamente, non si smette mai di imparare. Alla Roma gioco con Daniele De Rossi, parliamo tantissimo di calcio e di come il gioco a centrocampo sia in continua evoluzione nei top club. Allo stesso tempo, bisogna conoscere i propri limiti. Non sarò mai in grado di fare 100 metri in 9 secondi, così i miei passaggi non saranno mai quelli di Sneijder. Non devo perdere tempo in queste cose qui“.

Dopo averla assaporata contro il CSKA Mosca nel 2014, quest’anno Strootman giocherà nuovamento la Champions League.
“Non mi sento ancora un calciatore esperto a livello internazionale. Sì, avrei dovuto giocare il mio primo Mondiale nel 2014, ma poi c’è stato l’infortunio. A livello di club, giocherò in Champions per la prima volta, lo scorso anno la Roma si è fermata ai preliminari. Ho giocato 10′ contro il CSKA Mosca, è vero, ma quella è la mia unica esperienza in Champions, ed è praticamente nulla“.

Inevitabile un commento sul ritorno nello stadio di Parigi, quello in cui Kevin si fece male al ginocchio destro nel marzo del 2014 in un match con la sua Olanda. 
“Le mie sensazioni? No, non vi parlerò di riti e simili. Gioco in Italia, ma ancora non ho fatto mie le superstizioni italiane. Quando abbiamo pescato la Francia nel girone di qualificazioni, l’idea era nella mia testa. Ci sono stati momenti in cui ho pensato: non riuscirò più a tornare al top. Qui sono iniziati tutti i miei problemi. Se hai un infortunio al ginocchio destro, carichi di più sul sinistro“.

Al termine dell’intervista, Kevin Strootman ha parlato anche di uno dei personaggi più importanti nella storia della Roma…
“A Wijnaldum piace parlare con ex calciatori importanti? Io posso parlare di Bruno Conti, è ancora legato alla Roma ed è stato un grande campione del mondo con l’Italia nel 1982. Ma in prima squadra non abbiamo molto a che fare con lui“.

CONDIVIDI
Ho 22 anni e nella vita studio, per l'esattezza frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli. Sogno di vivere un giorno grazie al giornalismo sportivo. Amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni. Redattore anche di IamNaples.it

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008