Nuova stagione, nuova vita. Ad agosto partirà ufficialmente la prima stagione di Di Francesco sulla panchina della Roma, durante l’estate assisteremo alla prima campagna acquisti italiana di Monchi e soprattutto dopo 25 anni non rivedremo più Francesco Totti indossare la maglia giallorossa.

La Roma si appresta ad iniziare una nuova era, gestita da Monchi e Di Francesco, due personaggi che hanno lasciato il segno nelle precedenti esperienze ed ora puntano a replicare tutto il lavoro svolto negli scorsi anni. Spalletti lascia in eredità all’ex Sassuolo una squadra forte, l’ha detto lui stesso nella conferenza stampa d’addio, dove ha spiegato con amarezza la delusione di non esser riuscito a tenere compatto nel modo giusto lo spogliatoio e, a detta sua, rimane l’unico rimpianto della sua gestione alla Roma. Di Francesco dall’altra parte è consapevole di esser arrivato in una squadra importante, forte e che soprattutto vuole continuare a lottare per le parti alte della classifica e, perché no, provare finalmente a fare un altro passo in più per impensierire la Juve nella lotta scudetto, diventata ormai monotona da cinque anni a queste parti. Per farlo, però, dovrà fare affidamento anche sul lavoro dell’altro neoarrivato Monchi, reduce dall’esperienza a Siviglia con cui ha vinto ben 3 Europa League consecutive.

Numeri alla mano, parliamo di un dirigente che sa come ambientarsi nel mondo del calcio e sa cosa serve per migliorare e vincere, obiettivi prefissati della “nuova Roma”. Monchi avrà una grande responsabilità sul mercato, prima di pensare alla prossima stagione occorre concentrarsi sull’obiettivo dell’estate, ovvero garantire a Di Francesco una squadra ancora più forte.

Di seguito, analizziamo ruolo per ruolo tutte le possibili manovre di mercato della Roma spiegando le trattative in corso, sia quelle in entrata sia quelle in uscita.

PORTA Dopo un anno eccezionale, Szscesny saluta Roma e torna all’Arsenal dopo il prestito concesso dai Gunners. Con l’addio del polacco il portiere titolare diventerà Allison, arrivato un anno fa portando di sè tante aspettative senza però trovare molto spazio. La prossima stagione potrà finalmente viverla da protagonista, attualmente la Roma non sta trattando alcun portiere e dunque, a meno di sorprese, sarà Allison a difendere i pali della porta giallorossa.

DIFESA Gli obiettivi per la difesa si concentrano principalmente sul tenere i pezzi forti piuttosto che andare alla caccia di nuovi difensori. La Roma ha già ufficializzato l’arrivo di Hector Moreno dal PSV, nella lista dei desideri di Monchi non emergono tanti difensori e per questo proverà a trattenere gli elementi fondamentali, come Manolas e Rudiger. I due piacciono a molte squadre europee, in Italia l’Inter ha mostrato interesse ma dopo una grandissima stagione Di Francesco punta ad averli a disposizione per il prossimo campionato. Il tedesco è stato utilizzato più di una volta da Spalletti come terzino destro e la sua duttilità tattica potrà essere sfruttata anche da Di Francesco, che può alternarlo sulla destra con Florenzi. Il terzino è reduce da un anno molto difficile condizionato da due infortuni al crociato, l’ultimo a febbraio e la Roma proverà a recuperarlo per i primi mesi del campionato, con la consapevolezza che bisognerà aspettare qualche mese per riaverlo alla perfetta condizione. E quindi, con Florenzi che andrà gestito con attenzione e senza sforzarlo eccessivamente, Rudiger potrà agire nuovamente da terzino destro, dunque una sua permanenza diventa necessaria per i giallorossi.

CENTROCAMPO Continuano le voci di un possibile addio di Nainggolan con direzione Inter. La volontà di Spalletti è di continuare a lavorare fianco a fianco al belga e avrebbe chiesto a Suning uno sforzo economico ma la trattativa attualmente è ancora abbastanza ferma. Paredes è corteggiato dalla Juventus mentre De Rossi e Strootman non si muovono. Dal Sassuolo è in arrivo Lorenzo Pellegrini per rinforzare il centrocampo e resistono le candidature di Gonalons e Seri, rispettivamente di Lione e Nizza. Anche Torreira della Samp è un profilo che piace alla Roma di Monchi, anche se al momento parte leggermente indietro rispetto ai tre appena citati vista la concorrenza di Lazio in Italia e alcune squadre estere. Per il prossimo anno non è da sottovalutare un possibile avanzamento di Florenzi nei tre di centrocampo, dove potrà sfruttare la sua velocità e la capacità di inserirsi alle spalle dei difensori.

ATTACCO Dopo i 29 gol della scorsa stagione premiati col titolo del “capocannoniere” la punta della Roma rimane inevitabilmente Edin Dzeko, mentre cambierà un suo compagno di reparto. Mohammed Salah è da tempo cercato dal Liverpool, negli ultimi giorni i Reds hanno accellaerato la trattativa e l’egiziano è pronto a trasferirsi in Premier per una somma intorno ai 45 milioni di euro. Per sostituire Salah la Roma ha messo in lista diversi candidati, Berardi è la scelta numero uno di Di Francesco e la trattativa è già avviata (i giallorossi potrebbero inserire giovani contropartite). Nel caso in cui non dovesse arrivare Berardi le alternative sono il Papu Gomez e Suso, entrambi valutati più di 20 milioni dai rispettivi club. Un altro attaccante che piace a Monchi è Ghezzal del Lione, il ds sta studiando il colpo a parametro zero dato che a fine stagione andrà a scadenza di contratto. In attesa di scoprire chi sarà il sostituto di Salah, sull’altra fascia offensiva può rinnovarsi il duello della scorsa stagione Perotti-El Shaarawy, con il secondo che ha avuto molto spazio negli ultimi mesi del campionato.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008