Roma, Monchi presenta Schick: “È l’ultimo acquisto”

Monchi

Patrik Schick è stato il protagonista della telenovela più calda del calciomercato italiano di quest’estate.

Il giocatore ceco dopo essere stato ad un passo da Juventus e Inter si è accasato alla Roma.

Nella giornata di oggi il giocatore è stato presentato alla stampa nazionale. Queste le parole del ds giallorosso Monchi: “Questa è l’ultima conferenza stampa riguardante un nostro nuovo acquisto. Abbiamo portato a Roma un giocatore magnifico, pertanto voglio ringraziare la società per il totale appoggio. Ringrazio anche Patrik per il suo entusiasmo, siamo estremamente soddisfatti. E personalmente sono molto orgoglioso per questa operazione di mercato. I giocatori come lui trovano sempre spazio in club di primo livello. Come abbiamo battuto la concorrenza? Abbiamo svolto un ottimo lavoro collettivo, ma è la voglia del ragazzo che ha fatto la differenza”.

Cosa si aspetta dal primo impatto con il pubblico della Roma in occasione della sfida contro la Chapecoense?
“Sarà la mia prima uscita in maglia giallorossa dopo l’impatto in aeroporto con i nostri tifosi: non vedo l’ora di vestire questi colori”.

M – Che significato avrà la gara di venerdì
“Sarà una partita in cui i sentimenti saranno tantissimi: è un gesto, quello di dare il nostro appoggio al calcio brasiliano, che fa anche il bene della Roma”.

S – La Roma ha il dovere di puntare allo Scudetto?
L’anno scorso la Roma ha concluso il campionato da seconda. Abbiamo grandi ambizioni, sono arrivati nuovi calciatori: speriamo di disputare un’ottima stagione“.

M – Un punto sui giocatori in uscita?
Sono situazioni differenti. Con Tumminello stiamo valutando con tranquillità la situazione: ha qualità e vogliamo offrirgli la possibilità di crescere, ma potrebbe anche rimanere. Per Castan, invece, stiamo aspettando un club in grado di soddisfare tutte le parti in causa, altrimenti potrebbe rimanere anch’egli. Il lavoro difficile riguarda le uscite di Gyomber e Vainqueur“.

S – Vuole far chiarezza sui tanti rumors che hanno accompagnato la sua estate? Prima c’era la Juventus, poi l’Inter, invece eccola vestito di giallorosso.
Non ci sono differenze tra la Juventus e la Roma, anche noi siamo un top club e mi piace lo stile di gioco. La Juve appartiene al passato e non sono deluso. Personalmente, non ho mai esternato il mio gradimento verso alcuna squadra, nemmeno dopo l’Europeo Under -21″.

S – La sua valutazione può essere un peso?
No, questa è una domanda per il direttore. Il prezzo non mi riguarda“.

M – Florenzi può essere considerato una sorta di ‘acquisto interno’ per il ruolo di esterno?
Vorrei prima svelare un piccolo segreto: abbiamo iniziato a trattare Schick circa due mesi fa, questo vuol dire che da sempre era un nostro obiettivo. Poi non voglio parlare dell’aspetto tattico, questo spetta al nostro allenatore, l’ideale per noi. Nella nostra squadra tutti possono trovare spazio“.

S – Pensa di poter ricoprire alla Roma lo stesso ruolo della Nazionale?
Con la Nazionale gioco da centravanti, che resta il mio ruolo preferito. Ma non avrei problemi ad adoperarmi anche in altre zone, come a destra dopo posso colpire con il mio mancino”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008