La prossima stagione è alle porte, tra poco più di un mese partirà il campionato di Serie A e per prepararsi al meglio le squadre sono impegnate nei classici ritiri di montagna. Direttamente dal ritiro della Roma ha parlato Kostas Manolas, difensore inamovibile della formazione giallorossa che ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Roma TV.

Sei pronto?
Sempre, avevamo un programma da seguire in estate e l’abbiamo seguito. Siamo pronti”.

Qual è lo spirito?
“Vedo un buon gruppo ma voglio vederlo lavorare insieme, voglio lavorare duramente. Questa preparazione è la più importante di tutte”.

Vantaggio iniziare nuovamente con Di Francesco?
Sì, sappiamo quest’anno ciò che vuole. Lavoreremo meglio”.

Quanto è cambiato il rapporto con i tifosi?
Ho ricevuto tanti messaggi dai tifosi e li ringrazio. Darò il massimo e sono contento di essere qui. Ho rinnovato lo scorso anno e sono convinto quest’anno andrà meglio”.

Dallo scorso anno sei diventato un leader nell’immaginario dei tifosi
Cercherò di aiutare tutti i nuovi arrivati. Sono umili, alcuni sono molto giovani. Roma non è una piazza facile, devono avere la testa e lavorare duramente. Poi sono arrivati anche giocatori di esperienza come Marcano, Santon, lo stesso Cristante ha già esperienza in serie A. Voglio vedere tutti lavorare duramente, altrimenti non puoi centrare i tuoi obiettivi”.

Aspetti con più curiosità il sorteggio del campionato o della Champions?
“Il campionato perché sarà per tutta la stagione, ogni domenica. In Champions abbiamo lasciato delle aspettative arrivando in semifinale, è la competizione più bella. Non abbiamo paura di nessuno, avendo sempre i tifosi al nostro fianco come lo scorso anno”.

Le altre squadre?
“Anche l’Inter ha fatto un bel mercato, come noi. La Juve è sempre la Juve, ha una rosa forte. Bisogna sempre combattere e lottare e lo vedremo sul campo. Sono fiducioso ma dipende dal nostro lavoro. Dobbiamo andare meglio dello scorso anno”.

In cosa devi migliorare ancora?
Su tutto, sempre, ogni giorno, in ogni allenamento. Devo migliorare sull’impostazione della manovra, gestendo la palla. Bisogna sempre migliorare, anche se ti chiami Ronaldo o Messi”, riporta Calciomercato.com.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008