Roma, Kluivert: “Real? Tutti devono temerci in casa nostra, un onore giocare con De Rossi”

Justin Kluivert è uno dei giocatori più talentuosi della Roma e nonostante la giovane età e il minutaggio fin qui non particolarmente eccessivo l’attaccante giallorosso ha fatto vedere ottime cose. Kluivert ha rilasciato delle dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport, di seguito quanto riportato da Calciomercato.com.

Kluivert parla del suo momento: “Molto buono, sono molto contento, ogni giorno mi godo quello che sto vivendo. Il campionato è difficile, però ti rende un giocatore più forte, me lo ha detto papà”.

Il modello da seguire? Senza dubbio mio padre Patrick. Ma mi sono ispirato anche a Cristiano Ronaldo, lui vive per il calcio e per lo sport”.

Come mi ha convinto Monchi? È stato molto convincente. Sono molto contento della decisione che ho preso, sono contento di essere qui. Monchi mi ha parlato in un modo speciale, tutti mi volevano e io mi sento molto sicuro. La competizione è molto alta. Io vivo da solo, per questo posso imparare tanto dai campioni che ho in squadra”.

“Il Real e la Champions? Io sogno di segnare sempre, loro devono venire qua e tutti devono avere paura della Roma in casa nostra. Possiamo vincere il girone, sono curioso del risultato”.

“Tra Ajax e Roma ci sono differenze dal punto di vista del tempo di gioco, io devo migliorare ogni giorno, su ciò che vuole il mister e la squadra. Sicuramente posso migliorare in fase difensiva e mi sto impegnando in questo, posso anche migliorare davanti segnando di più. Di Francesco è un ottimo allenatore da cui imparo tanto, mi consiglia di usare la mia velocità, devo sfruttarla e attaccare gli avversari”.

De Rossi? Il capitano è molto importante. Quando sono venuto qui mi ha scritto quando era in vacanza e mi ha dato il benvenuto. È un fenomeno dentro e fuori dal campo ed è un onore giocare con lui per me. Parla molto bene inglese e ci parlo tanto con lui”.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo