Roma, gli acquisti non si sono inseriti: Di Fra si fida dei senatori

Di Francesco

C’è tanta vecchia Roma nella formazione tipica mandata in campo da Di Francesco: il tecnico giallorosso non si fida dei nuovi arrivati e schiera, nella maggior parte dei casi, i senatori, dimostrando poco feeling con gli acquisti effettuati da Monchi nella sessione estiva.

Ad eccezione di Olsen, arrivato per sostituire Alisson, soltanto ‘Nzonzi ha superato i 500 minuti giocati, mentre i vari Kluivert, Zaniolo, Coric, Cristante, Pastore, Santon e Marcano in alcuni casi a stento superano i 200. 

Discorso diametralmente opposto per chi da anni veste la maglia giallorossa: De Rossi, Dzeko, Manolas, El Shaarawy, Fazio e Florenzi sono i più utilizzati dal tecnico ex Sassuolo.

Nonostante un avvio in Champions convincente, con 6 punti in 3 gare e la porta inviolata se non si considera la sfida al Bernabeu terminata 3-0, in campionato i risultati tardano ad arrivare: già tre sconfitte e due pareggi in nove gare, per un totale di tredici punti persi, di cui otto contro formazioni abbordabili come Chievo, Bologna e Spal.

Domenica ad attendere la Roma ci sarà il Napoli, carico dopo l’esaltante prestazione in Champions sul campo del Paris Saint Germain, dove i francesi hanno trovato il pareggio per il rotto della cuffia al 93′: secondo Sky Sport, i giallorossi scenderanno in campo con il classico 4-2-3-1, con Olsen tra i pali, Juan Jesus e Manolas centrali, Santon sulla destra al posto dell’indisponibile Karsdorp, Kolarov a sinistra; in mediana De Rossi e Nzonzi, mentre come trequartista si scalda Lorenzo Pellegrini. Sulle ali Under ed El Shaarawy daranno man forte a Dzeko unica punta. 

CONDIVIDI
Guardo e studio il calcio da 20 anni con gli occhi di un bambino che vede Ronaldinho in azione per la prima volta.