Federico Fazio, difensore argentino della Roma di Luciano Spalletti, ha rilasciato la seguente intervista al sito ufficiale del club capitolino, parlando in particolare del futuro ds della roma Monchi, che lo ha portato a Siviglia quando aveva 19 anni:

“Avevo 19 anni quando ho conosciuto per la prima volta Monchi. Era uno degli ultimi giorni di mercato del 2007 ed ero appena atterrato a Siviglia. Sarebbe stata la svolta della mia carriera. Venne a prendermi in aeroporto. Fino ad allora avevo solo giocato nella serie B argentina e in Nazionale Under 20. Mi spiegò il perché di tanta tensione in città, dato che ci sarebbe stato il derby di Coppa contro il Betis il giorno seguente. Appena arrivato in sede, firmai. Mi disse d’avermi scoperto grazie a un collaboratore che mi aveva visto giocare in Under 20. Al centro sportivo Monchi era molto presente. Veniva al campo ogni giorno, così da guardare il lavoro della squadra. Ha un ottimo dialogo con i calciatori, con discorsi individuali, preferiti alle parole nello spogliatoio. Dopo il mio addio restammo in contatto. Venne in Inghilterra poi per trattare il mio ritorno in Andalusia dal Tottenham. Non è facile far crescere un club come il Siviglia. Il suo lavoro è stato straordinario. Darà di certo il suo contributo per rendere questa Roma ancora più grande. Il modo di vivere il calcio in Italia è molto simile alla Spagna. Anche lì c’è tanta pressione da parte del tifo, che vuole vincere. Spero possa aiutarci a conquistare qualche trofeo”.

CONDIVIDI
Mario Galterisi, caporedattore di Novantesimo. Architetto, laureato presso la Facoltà di Architettura dell'Università Federico II di Napoli. Graphic designer free-lance. Addetto stampa presso IBar Academy. Amo il calcio come poche cose ed è una delle poche costanti che trascende i miei interessi.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008