La Roma domani scende in campo contro il Torino per la ventesima giornata di Serie A. Alla vigilia della sfida dell’Olimpico il tecnico giallorosso Eusebio Di Francesco ha parlato in conferenza stampa, soffermandosi soprattutto sulla questione infortuni.

Manolas è recuperato visto che si è allenato per tre giorni con noi, non so invece Florenzi che ha queste brutta influenza e ci sono fuori Perotti, Mirante, De Rossi e Juan Jesus, tutti fuori e indisponibili”.

Quanto si vede la mano di Mazzarri nel Torino?
E’ un tecnico che conosco bene, molto attento a preparare la partita, con una grande fase difensiva e il Torino ha ottimi elementi, una formazione molto temibile quando riparte ed è capace di stare nella metàcampo avversaria, bravissima a recuperare la sfera nell’ultimo terzo”.

Domani tornerà Dzeko dal primo minuto:
Sia lui che Schick sono in ottima condizione, sono valutazioni che sto facendo, anche se Edin è leggermente favorito. Nell’ultima settimana non stava benissimo ma ora ha ritrovato continuità, sono felice di avere queste opzioni davanti”.

Su De Rossi che tempi ci sono per il rientro?
E’ un infortunio particolare, non sai mai come risponde il ginocchio. Mi auguro che la prossima settimana lavori con la squadra e da lì in poi dovremo valutare la condizione e i tempi”.

Che valutazioni state facendo sul mercato?
Mi fido molto di Monchi, sta cercando delle opportunità. Se dobbiamo fare cose tanto per farle, non sono d’accordo. Cerchiamo giocatori validi che possano migliorare la nostra rosa, altrimenti restiamo così”.

Belotti sarebbe l’attaccante ideale per la Roma?
Non rispondo di giocatori che non sono della Roma, faccia un’alta domanda”.

Abbiamo rivisto Karsdorp e Pastore contro l’Entella, il primo ha dato segnali importanti. Possono essere considerati per la formazione titolare dopo pochi giorni?
“Il problema più grande è la terza partita, non la seconda di solito. Santon è l’alternativa, se la giocherà con lui. Per quanto riguarda Pastore non ha problemi di velocità, lui deve far camminare la palla. Ha retto novanta minuti, non li faceva da ottobre ed è un segnale positivo, gli serve continuità in quello che fa. La valutazione su Pastore viene stravolta dal fatto che può sembrare che non ha questo gran passo, ma non l’hai mai avuto. Dobbiamo valutarlo per le sue qualità, per la capacità di mandare i compagni in porta. È probabile che possa esserci più Karsdorp dal primo minuto”.

Per quanto riguarda la partita di domani c’è un ballottaggio Kluivert-El Shaarawy?
Kluivert ha nettamente una condizione migliore, quindi è favorito lui, anche perché El Shaarawy ha riniziato ad allenarsi martedì”.

Pastore può fare la mezzala?
No, abbiamo cambiato sistema per una serie di motivi e in questo momento ci serve più qualità sulla trequarti”.

Schick è in crescita, sembra aver fatto quel passettino in avanti dal punto di vista mentale. Merito del mental coach?
Il merito è suo. Sta dando tanto anche negli allenamenti, ma non sono soddisfatto del tutto e non si deve accontentare. Contro l’Entella poteva fare tre gol”.

Come sta Nzonzi?
Oggi farà il primo allenamento con la squadra, valuterò la sua condizione”.

Sulla trequarti Zaniolo o Pastore?
Zaniolo sta giocando con più continuità, al momento è favorito. Ma non datela con certezza, magari cambio idea. Diciamo che abbiamo tanti dubbi, così anche Mazzarri ne avrà qualcuno in più”.

Si sente di dire che la Roma è guarita?
Mi sento di dire che siamo cresciuti, quest’anno ci siamo ammalati spesso ma vedo che lo spirito della squadra e la mentalità con cui si affrontano le partite sono diverse, mi auguro che non si riammaliamo più”, riporta Tuttomercatoweb.com.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo