Roma, Di Francesco: “Schick partirà dal 1′ con la Sampdoria”

Schick

Il tecnico della Roma, Eusebio Di Francesco, ha parlato nella conferenza della vigilia del match casalingo contro la Sampdoria.

Di seguito le sue parole: “L’approccio che avremo alla gara? Mentale, fisico e tecnico devono essere tutti presenti contemporaneamente. Serve migliorare il rendimento casalingo. La nostra condizione e formazione? Qualcosa cambieremo sicuramente. Ho ancora un allenamento, devo decidere anche insieme ai calciatori. Non voglio cambiare tanto, ma ci sono esigenze fisiche che devo tenere in considerazione. La Samp ha ritmo, noi dovremo essere pronti fisicamente e mentalmente.

Se giocherà Schick o Dzeko? Sto valutando se farli giocare insieme. Sicuramente Schick giocherà dall’inizio. Kluivert? Sta crescendo e questo è importante. Lui adesso scherza meno in campo, cerca di essere più concreto. Lui ha le qualità per dribblare e per andare in profondità, se lo capisce può diventare un calciatore importante. Deve sempre migliorarsi, giorno dopo giorno. E’ cresciuto ma ancora non basta. Pastore? Domani non sarà convocato, ha avuto un nuovo piccolo fastidio e io da lui voglio continuità. Domani non lo porterò, cercherò di recuperarlo per la prossima. Quando sarà al meglio sarà sicuramente un giocatore importante per noi. De Rossi? Vediamo, ho anche Coric che sta crescendo. In questo momento però ci servono certezze. Nzonzi non ha picchi di velocità ma ha continuità e presenza, a Mosca ha fatto una delle migliori prestazioni. Non so chi giocherà domani, ma è possibile che Nzonzi parta dal primo minuto. El Shaarawy e la nazionale? Le scelte di Mancini non le conosco e non posso giudicare. E’ una scelta legittima la sua. Lui ha fatto buone prestazioni in stagione, credo sia cresciuto tanto e io sono contento del suo rendimento. Però non si deve accontentare, io voglio vedere miglioramenti anche se già è molto più presente.

Il nostro atteggiamento? La squadra deve sempre cercare di vincere, sia in campionato che in Champions. La Roma non deve accontentarsi, anche all’interno delle gare. Certe sfide devono essere chiuse, devono essere dominate. In campionato dobbiamo trovare questa concretezza, tutte le partite devono essere trattate nello stesso modo sia che ci sia la musica della Champions sia che non ci sia. Domani voglio una prestazione convincente. La squadra deve sempre cercare di vincere, sia in campionato che in Champions. La Roma non deve accontentarsi, anche all’interno delle gare. Certe sfide devono essere chiuse, devono essere dominate. In campionato dobbiamo trovare questa concretezza, tutte le partite devono essere trattate nello stesso modo sia che ci sia la musica della Champions sia che non ci sia. Domani voglio una prestazione convincente. Juan Jesus titolare? Potrebbe giocare, è un giocatore in ottima condizione e quando l’ho messo in campo ha dato risposte importanti”.



CONDIVIDI
Amante di Inter e del calcio in tutte le sue forme, Classe 1995, redattore di Novantesimo. Come la squadra che ama, si sente un po' pazzo anche lui a volte. Telecronista per Sportube e Helpdesk per BonelliErede. Hobby? Videogiochi, serie tv e libri.