Roma, Di Francesco: “La Lazio avrà fame come noi l’abbiamo avuta contro il Barcellona”

Di Francesco

Il tecnico della Roma, Eusebio Di Francesco, ha parlato in conferenza stampa in vista della sfida di domani sera contro la Lazio. Queste le sue parole riportate da vocegiallorossa.it:  “Abbiamo fatto il 3-4-2-1 o 3-4-3. Scelta ponderata che ha dato un valore aggiunto alla squadra e mi ha fatto capire che la squadra può giocare in questo modo, in altri casi. Siamo arrivati fin qui giocando col 4-3-3, ricordiamolo. Nulla diventa importante se non si interpreta il tutto con determinazione, cattiveria, convinzione e l’atteggiamento giusto. I numeri vanno a farsi friggere se non c’è un atteggiamento corretto”.

Dopo la rimonta contro il Barcellona, la Roma è veramente euforica ma come si gestisce questo clima in vista di un’altra importante gara?: “Ben venga il derby, queste partite si preparano da sole dal punto di vista emotivo. Bisogna mettere in campo la stesa determinazione e cattiveria. Vale più di tre punti, vale un posto in Champions, oltre a essere una gara a sé”

Dubbi formazione per Di Francesco che dovrà fare  a meno di Perotti e Defrel: “Out entrambi contro la Lazio. Defrel da valutare il suo problema alla caviglia. Perotti speriamo con il Genoa o SPAL, più facile con la SPAL. Per quanto riguarda qualche giocatore che non si è allenato bene per febbre o altri problemi, qualche dubbio su Manolas e Florenzi. Importanti gli allenamenti di oggi e domattina. Forse con lo Shakhtar abbiamo sbagliato a mettere in campo qualche giocatore che non stava benissimo e non possiamo più sbagliare. Schick? Potrebbe giocare lui o Ünder. Uno dei due giocherà”.

Dopo la gara contro il Barcellona, la Roma deve pensare al Derby contro la Lazio. Dopo questo turno europeo chi arriva più in forma?: “Tutte queste situazioni vengono annullate, il derby è una storia a sé. Questa è una gara da prendere con le molle, loro saranno rabbiosi come noi eravamo feriti col Barcellona, dopo la gara contro la Fiorentina. Dobbiamo essere bravi a prepararla mentalmente”.

L’urna di Nyon, nella giornata di ieri, ha estratto la semifinalista che affronterà la Roma. Il Liverpool, può spaventare la formazione giallorossa?: “Del Liverpool non ho parlato perché ci saranno 3 gare importantissime prima. La nostra gente aspettava da 34 anni questa gara. Avremo davanti una squadra forte, con giocatori di gamba, non sarà facile. Il destino ci ha portato ad arrivare in semifinale, vediamo se ci porterà in finale”.

CONDIVIDI
Campano di nascita e siciliano d'adozione, classe 93' e passato da terzino destro. Ho successivamente capito che rendo meglio da giornalista che come calciatore.