Nuovo inizio, nuova stagione, nuova Roma. Si, perchè il mercato che i giallorossi hanno, e stanno, conducendo può far ben sperare tutti i tifosi giallorossi visto che la squadra si è rinforzata molto rispetto alla scorsa stagione, pur perdendo un pilastro del centrocampo come Nainggolan.

Oggi è stato giorno di altre due presentazioni a Trigoria, con l’avvento di Ante Coric, trequartista croato classe 97′ che ha firmato con la società giallorossa un quinquennale fino al 2023, e di William Bianda, difensore centrale classe 2000, anch’egli con un contratto fino al 2023. Ecco quindi le parole di Monchi, Coric e Bianda durante la consueta conferenza stampa di presentazione.

Monchi sui due nuovi acquisti: “Sono qua per presentare questi due giocatori che sono l’esempio del mio modo di lavorare. Io prenderò giocatori pronti, ma pure ragazzi con un futuro importante come loro. Sono felice di poter presentare Coric e Bianda, non è stato semplice prenderli perché li volevano in tanti“.

Coric sulle prime impressioni: “Per me è un piacere e un onore allenarmi con giocatori del calibro di De Rossi. Non vedo l’ora che inizi la stagione“.

Bianda sull’inizio dell’esperienza giallorossa: “Il passaggio dal Lens alla Roma è un grande cambiamento. Spero che tutto vada per il meglio, per me è un onore“.

Monchi sulle caratteristiche dei giocatori: “Non mi piace fare paragoni. Entrambi hanno fatto il proprio percorso, hanno qualità e margini per crescere. Bianda è un difensore centrale con buon piede, fisico e velocità. Coric ha grande qualità e grande personalità. Lui deve migliorare a livello fisico ma ha un futuro importante“.

Monchi sul mercato: “Nella nostra testa abbiamo fatto quello che volevamo. Un club come la Roma però non si può mai fermare, deve continuare a lavorare guardando tutto quello che si muove. Fin quando non chiude il mercato c’è sempre tempo per prendere qualcuno. Oggi annuncio che ieri abbiamo preso il terzo portiere, è un giovane brasiliano del Palmeiras che si chiama Fuzato“.

Monchi su Ziyech: “E’ un giocatore che mi è sempre piaciuto e non posso dire no al 100%. Oggi però nel suo ruolo abbiamo tanti giocatori, siamo coperti“.

Monchi su Mertens come obiettivo: “Assolutamente no“.

Coric su Di Francesco: “L’ho incontrato e abbiamo parlato, è stata una chiacchierata“.

Bianda su Di Francesco: “Ci ho parlato. E’ un tecnico che lavora bene con i giovani, mi è sembrato simpatico e mi ha detto che lavoreremo tanto e duramente“.

Monchi su Bianda: “Lui resterà qua, almeno questa è l’idea. Per me non si può trovare un miglior insegnante di Di Francesco. Lui deve solo lavorare e crescere e Roma è il posto migliore per farlo“.

Coric sulla Roma: “E’ un grandissimo club, non ho esitato un attimo a dire sì“.

Bianda sul passaggio alla Roma e non in una big francese: “Sono alla Roma perché era il progetto migliore per la mia carriera, non penso ad altro“.

Monchi su Forsberg in campo oggi pomeriggio: “Guarderò la partita perché sarà interessante. Forsberg lo conosco bene, non ho bisogno di vederlo oggi. Chi conosce il metodo Monchi sa bene che non mi piace prendere giocatori che fanno bene al Mondiale. Detto questo Forsberg è forte e mi piace, ma questo non significa che domani prenderemo Forsberg. Ieri ha giocato un ragazzo nel Belgio che mi piace molto, si chiama Hazard mi sembra… (ride, ndr). Questo non significa che domani prenderò Hazard“.

Coric sull’esperienza al Salisburgo: “E’ stata una bella esperienza che mi ha fatto crescere molto. Ero giovanissimo, sono stato lì 4 anni e poi sono andato alla Dinamo, li ringrazio“.

Monchi su Alisson: “Mi dispiace per il Brasile e quindi per Alisson. Posso dire la stessa cosa di Florenzi. Non c’è alcuna novità. Non abbiamo ricevuto offerte, per questo non posso parlare di prezzo. La nostra idea è che Alisson adesso andrà in vacanza e una volta finite le ferie tornerà in squadra. Non abbiamo altre idee, se arriveranno altre situazioni le prenderemo in considerazione ma per ora non è così“.

Bianda sugli obiettivi personali: “So che ci sarà tanta concorrenza, è normale in un club del genere. Lavorerò per mettere in difficoltà il mister“.

Coric sul ruolo: “Ora voglio allenarmi, poi vedremo cosa succederà. Sono un centrocampista offensivo e devo migliorare tanto sulla fase difensiva“.

Coric su De Rossi: “E’ importante avere un capitano del genere. E’ un grande giocatore e io potrò imparare tantissimo dal suo carattere e dal suo modo di giocare“.

Bianda su De Rossi: “E’ stato importante trovarlo qua, mi ha messo subito a mio agio“.

Monchi su Florenzi: “Siamo allo stesso punto rispetto alla conferenza di Pastore. Non siamo andati avanti. E’ una trattativa difficile, è un grande giocatore e io penso che la Roma abbia fatto una grande offerta. Capisco le sue pretese, noi stiamo lavorando e io sono fiducioso. Ma negli ultimi giorni non è cambiato granché. Ultimatum? Mai. Lui è un figlio della Roma. Qualsiasi cosa succeda lui passerà dalla porta principale. Io sono fiducioso, lavoro ogni giorno ma ancora non ci siamo“.

Monchi su CR7: “Non ho avuto tempo di pensarci, per fortuna ho tanto lavoro da fare qua alla Roma. Se alla fine dovesse arrivare sarebbe un’ottima cosa per il campionato italiano. Ciò che ha fatto in passato è qualcosa di importante, ma davvero non posso dire altro perché negli ultimi giorni ho lavorato tanto“.

Coric sul paragone con Modric: “Ovviamente mi piace Modric, è il miglior giocatore croato attualmente in giro. Il paragone mi lusinga, ma io devo crescere molto e lavorare tanto per avvicinarmi al suo livello“.

Bianda sul paragone con Varane: “In Francia sento spesso questo paragone. Ovviamente è un campione e quindi uno dei giocatori a cui guardo“.

 

 

 

CONDIVIDI
Nato nel 96' nella città "Superba per uomini e per mura" il destino mi ha concesso di innamorarmi del calcio, e quindi del Genoa. Grande appassionato di sport in generale, studio Giurisprudenza all'università di Genova e provo a raccontare il calcio, una parola alla volta, un'emozione dopo l'altra.