Regalia su Cassano: “E’ un fuoriclasse, ma se è senza stimoli è giusto che smetta”

Ha voluto sorprendere tutti ancora una volta, annunciando un clamoroso, l’ennesimo, dietrofront per quanto concerne il suo futuro da calciatore, che ormai è da considerare tristemente solo come “passato”.

Stiamo parlando di Antonio Cassano, il quale poche ore fa ha annunciato di lasciare l’Entella e il calcio giocato. Della questione ha parlato Carlo Regalia, il direttore sportivo che lo scoprì ai tempi del Bari, nella seguente intervista ai microfoni di Tuttomercatoweb: “Sembrava che avesse preso l’avventura all’Entella con grande entusiasmo. Mi dispiace, davvero. Ma se non se la sente è giusto che smetta, perché senza stimoli è meglio togliersi di mezzo e fare posto”.

Mesi fa si era parlato della possibilità che facesse il corso da ds. Come lo vedrebbe in questa veste?
“È un ruolo completamente diverso. Nel calcio ci sono tanti ruoli, tutti comportano delle difficoltà. Ora sembra sia convinto di smettere perché ha altre priorità. Ma fare il direttore è un ruolo complicato, ci sono stati dei campioni che da ds hanno fallito e poi ci sono ottimi direttori che non hanno mai giocato a calcio”.

Lei è stato il suo primo ds, a Bari. Vuole dirgli qualcosa?
Che mi sarebbe piaciuto rivederlo in campo. Ha qualcosa di più, è un fuoriclasse”.

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Napoletano di nascita ma fedele e viscerale interista dall'infanzia. La profonda passione per il calcio è una costante della mia vita. Amo la scrittura e le lingue straniere, in particolar modo lo spagnolo e il francese.