Qui Roma, a Fonseca urge almeno un nuovo difensore centrale!

Juan Jesus

Chissà se Paulo Fonseca si aspettava un esordio all’Olimpico come quello di ieri sera. Tre volte in vantaggio, tre volte rimontato. Alle magie di Under e Dzeko ed alla punizione di Kolarov hanno risposto Pinamonti, Criscito e Kouamé.

Rivedendo gli highlights della gara spicca un elemento che accomuna i tre goal del Grifone: le grandi lacune dei giallorossi al centro della difesa.

La difesa della Roma

Ed effettivamente la Roma 2019 – 2020 se da un lato si è rinforzata in porta, sostituendo Olsen con Pau Lopez, dall’altro si è nettamente indebolita al centro, avendo ceduto Manolas senza averlo mai effettivamente rimpiazzato.

La difesa a 4 di Fonseca sulla fasce sembra funzionare abbastanza bene vista la presenza di Kolarov, la cui riserva è Spinazzola, e quella di Florenzi, destinato ad alternarsi con Zappacosta (o addirittura ad avanzare a centrocampo).

E al centro? L’unico acquisto è stato Gianluca Mancini dall’Atalanta, arrivato in prestito per 2 milioni di euro con obbligo di riscatto fissato a 13 più 8 di bonus. Chiusa questa breve digressione sul reparto difensivo dei giallorossi, torniamo ai goal subiti dal suddetto stasera.

Gli errori della Roma contro il Genoa

In occasione del goal dell’1-1, Romero svetta di testa su Juan Jesus, facendo da torre per Pinamonti che, lasciato libero da Fazio al centro dell’area di rigore, può coordinarsi e calciare a botta sicura senza pressione alcuna.

Il rigore che porta al 2 a 2 nasce da un fallo di Juan Jesus che stende Pinamonti, entrando in ritardo in scivolata (l’ex Frosinone, peraltro, riceve palla da Kouamé, sfuggito alla marcatura di Fazio).

Fazio

Il 3-3, invece, è certamente colpa di Mancini, nettamente in ritardo sulla marcatura di Kouamé. L’attaccante rossoblù, infatti, lasciato solo a pochi passi da Pau Lopez, può liberamente colpire il pallone di testa.

Insomma, serata da dimenticare per i tre centrali della Roma. Se Fonseca vorrà mantenere il gioco propositivo ed offensivo dimostrato stasera, Pallotta dovrà obbligatoriamente rinforzare la difesa capitolina.

Le parole di Fonseca

Sono emersi problemi difensivi come il controllo della profondità. La squadra non trasmetteva sicurezza e su questo lavoreremo” ha dichiarato l’allenatore ex Shakthar a fine partita ai microfoni di DAZN.

E’ noto che stiamo cercando di prenderne uno – riporta calciomercato.com – e lo faremo fino alla fine del mercato, ma non deve essere uno qualsiasi. Deve essere un valore aggiunto e cercheremo di farlo fino alla fine“.

Fonte: LaPresse

Rugani o Nkolou?

Le voci di mercato, infatti, sono tante, ma i nomi più caldi restano tre: Daniele Rugani, Nicolas Nkolou e Shkrodan Mustafi. La trattativa con la Juventus per l’ex difensore dell’Empoli sembrava ormai in dirittura d’arrivo quando una brusca frenata ha impedito il suo sbarco in giallorosso.

Il motivo? Secondo quanto riportato da gianlucadimarzio.com, il motivo sarebbe da ravvisare nelle condizioni di trasferimento di Rugani (oltre all’inserimento del giovane Riccardi come contropartita tecnica nella trattativa).

rugani
Daniele Rugani

Discorso diverso per Nkolou, difensore centrale del Torino, che ieri non è stato nemmeno convocato per il match contro il Sassuolo (vinto dai Granata per 2-1).

Nkoulou? Semplice, dopo aver giocato con il Wolverhampton io ho fatto vedere gli errori difensivi come faccio sempre, lui è stato chiamato per primo e non ha voluto vedere nulla dicendo ‘non c’ero con la testa, so tutto’ oltre – riporta Il Corriere dello Sporta chiedermi di non venire convocato per la partita con il Sassuolo” ha spiegato Walter Mazzarri, allenatore del Toro, ai microfoni di Sky Sport.

Molto probabilmente dietro la sua mancata convocazione, potrebbe esservi la presenza della Roma, come riportano diverse testate sportive italiane.

La suggestione Mustafi

Dulcis in fundo, una vecchia conoscenza della Serie A: l’ex Sampdoria, attualmente in forza all’Arsenal, Mustafi. Secondo quanto riporta Sky Sport, a frenare il suo approdo nella Capitale potrebbe essere la formula del trasferimento. I Gunners, infatti, chiederebbero un prestito con obbligo di riscatto, mentre i giallorossi preferirebbe il diritto.

Le parole dell’agente del tedesco, comunque, lasciano pensare ad un addio: “Shkodran si è divertito moltissimo con l’Arsenal. Abbiamo ancora due anni di contratto e non è esclusa una permanenza a Londra. Tuttavia – riporta romanews.euil meglio per tutte le parti sarebbe lavorare per andare via”.

Shkodran-Mustafi-725998

Difficile dire quale dei tre potrebbe dare maggior sicurezza alla difesa giallorossa, tuttavia una corsa è certa: almeno uno dei tre (o comunque un quarto nome) deve necessariamente arrivare o la nostalgia di Manolas sarà più forte del previsto.

CONDIVIDI
"La maniera di andare a caccia è di poter cacciare tutta la vita, fino a che c’è questo o quell’animale [...] e quella di scrivere è sin che tu riesci a vivere e vi siano lapis e penna e carta e inchiostro o qualsiasi altro strumento per farlo, e qualcosa di cui ti importi scrivere, e tu senta che sarebbe stupido, che è stupido fare in qualsiasi altro modo" - Ernest Hemingway, Verdi colline d'Africa, 1935.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008