PSG, Verratti: “Sono al 100%”

Marco Verratti

Il giocatore del PSG, Marco Verratti, ha parlato ai microfoni de Le Parisien. Queste le sue parole riportato dal Corriere dello Sport: “Ora sono al 100%, la scorsa stagione ho giocato tante partite nonostante il dolore, ma adesso sto bene e ho risolto ogni problema con i miei adduttori” .

Il rapporto con Tuchel: Ricordo che stavamo andando a Nizza in pullman, ho chiesto una coca cola che non è mai arrivata. Mi piace il suo modo di lavorare, sono abituato agli allenamenti tattici perchè sono cresciuto nel calcio italiano e con lui studiamo tanti sistemi di gioco, può essere utile e importante in chiave Champions. È un allenatore che ama il suo lavoro e che legge molto bene le partite, ha tante qualità”.

Analogie tra Ancelotti e Tuchel: “Carlo Ancelotti  ama stare vicino ai giocatori, è molto diretto, dice le cose in faccia anche quelle non bene, è una brava persona e ti aiuta a dare tutto. Quest’anno ci capiamo bene con l’allenatore e il suo staff, mentre a volte con Emery era complicato, pero’ ogni tecnico ha il suo stile. La differenza è che con Tuchel i rapporti umani sono diversi, in allenamento si vede una persona felice, lavoriamo seriamente, ma con il sorriso che con lui abbiamo ritrovato e questo aiuta molto. Se c’è da elogiare la squadra non ha problemi a farlo, se c’è qualcosa che non va lo dice apertamente, a volte lo fa davanti a tutto il gruppo, altre volte singolarmente. Con lui si parla molto, siamo in sintonia, ci divertiamo e i risultati arrivano”.

Primo anno senza Thiago Motta: Un calciatore forte e intelligente, abbiamo perso un uomo molto importante e che difficilmente si puo’ sostituire ma è fantastico giocare con i migliori del mondo, sappiamo che dobbiamo solo metterli nelle condizioni migliori per farli esprimere al meglio, lo stanno facendo e spero continuino così”.

CONDIVIDI
Campano di nascita e siciliano d'adozione, classe 93' e passato da terzino destro. Ho successivamente capito che rendo meglio da giornalista che come calciatore.