Processo Aemilia, Iaquinta: “Vergogna, mi hanno rovinato la vita. Non ho fatto niente”

Condannato a due anni nell’ambito del processo contro la ‘ndrangheta ‘Aemilia’, Vincenzo Iaquinta dopo la sentenzia del Giudice s’è sfogato ai microfoni dei cronisti presenti fuori il Tribunale di Reggio Emilia:

E’ notizia di oggi quella della condanna per due anni a Vincenzo Iaquinta nell’ambito del processo Aemilia, c

L’ex attaccante di Udinese e Juventus si è sfogato ai microfoni dei giornalisti presenti all’esterno del Tribunale di Reggio Emilia. Ecco le sue parole, riportate da tuttomercatoweb.com: “Vergogna, siete vergognosi. Processo di ‘ndrangheta per due ombrelloni, mi hanno rovinato la vita senza aver fatto niente. Io sto soffrendo come un cane da 4 anni, per la mia famiglia e i miei bambini, senza aver fatto niente.

La ‘ndrangheta non sappiamo nemmeno cosa sia nella nostra famiglia, mi hanno rovinato la vita sul nulla. Mi hanno condannato perché sono calabrese, ma io ho vinto un Mondiale. Sarà fatta giustizia su di noi, oggi è arrivata una condanna senza un prova”.

CONDIVIDI
Classe 1997, studente di Culture Digitali e della Comunicazione presso l'Università Federico II di Napoli. Da sempre appassionato di calcio, con il sogno di diventare giornalista. Web content e Social Media Manager per il Napoli Calcio a 5.