Prestiti sfrenati, la FIFA indaga: nel mirino anche Juve, Atalanta e Udinese

Il flusso sfrenato di prestiti di giocatori da parte di alcune società ha spinto la FIFA ad indagare sulla questione. Le riforme che a breve potrebbero arrivare sono state descritte dalla Bild e che il presidente dell’UEFA Ceferin è disposto ad applicare.

Nel mirino dell’indagine anche alcuni club italiani: lo scorso gennaio venne monitorato il flusso effettuato dalla Juventus che controllava ben 103 calciatori tra Italia ed estero. Tra questi 26 prestiti per un valore di 116 milioni di euro. Il tutto, se le riforme dovessero essere approvate, non sarà più ammissibile chiaramente. Oggetto dello stesso monitoraggio sono state anche Atalanta Udinese.

Infine il Chelsea, con 40 giocatori trasferiti per oltre 200 milioni, e il Monaco sono le società che secondo i due massimi organi calcistici hanno agito con maggiore libertà.

CONDIVIDI
Ho 22 anni e nella vita studio, per l'esattezza frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli. Sogno di vivere un giorno grazie al giornalismo sportivo. Amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni. Redattore anche di IamNaples.it