Premier League, countdown per il via del campionato: ecco come si presentano le squadre ai nastri di partenza #1

Premier League

Venerdì 11 agosto prenderà il via la stagione 2017/2018 della Premier League con la partita Arsenal-Leicester. Insolitamente il campionato non verrà aperto dai Campioni in carica del Chelsea, che saranno impegnati invece nel match casalingo contro il Burnley.

A due giorni dall’inizio del campionato più spettacolare del mondo, noi di Novantesimo abbiamo analizzato la situazione di ogni squadra ai nastri di partenza della Premier.

MANCHESTER CITY 

Solito mercato in pompa magna per i Citizens, che hanno portato all’Etihad il portiere Ederson, i terzini Walker, Danilo e Mendy, il giovane centrocampista Douglas Luiz e il trequartista Bernardo Silva per la modica cifra di 240 milioni di euro. L’ingente somma spesa permette a Guardiola di migliorare la rosa, anche se il mercato pare tutt’altro che oculato. Bene il rinnovamento sulle fasce in difesa, ma sembra mancare ancora qualcosa al centro, dato che Otamendi e Stones non si sono rivelati affisabilissimi e Kompany è spesso alle prese con problemi fisici. Difficilmente comprensibile anche la scelta di spendere 40 milioni per Ederson, soprattutto dopo che Guardiola l’anno scorso ha chiesto espressamente ed ottenuto Claudio Bravo. La rosa attuale può lottare per il titolo, ma serve qualcosa per essere competitivi su entrambi i fronti.

ACQUISTI: Ederson, Mendy, Walker, Danilo, Douglas Silva, Bernardo Silva

CESSIONI: Iheanacho, Nolito, Fernando, Kolarov, Hart, Jesus Navas, Zabaleta, Caballero, Clichy, Sagna

 

MANCHESTER UNITED

Mercato mirato da parte dei Red Devils, che spendendo meno dei cugini (circa 165 milioni di euro) hanno sistemato le lacune della rosa, prendendo un centrale di livello come Lindelof, rimpiazzando Zlatan Ibrahimovic con il secondo miglior marcatore della scorsa Premier, Romelu Lukaku, ed acquistando un’alternativa a Fellaini come Nemanja Matic. Mancano forse un esterno d’attacco, visto che la trattativa per Perisic non é andata a buon fine, ed un centravanti di riserva. Sarà difficile rimpiazzare la partenza di un leader dello spogliatoio come Wayne Rooney, tornato all’ovile dell’Everton. La squadra, senza spendere troppo in relazione alla media del campionato inglese, ed è quella che si è rinforzata in modo più intelligente: il Manchester United potrebbe dunque partire favorito, considerando che il secondo anno di Mourinho in un club è sempre il più redditizio per trofei.

ACQUISTI: Lindelof, Matic, Lukaku

CESSIONI: Ibrahimovic, Rooney

 

CHELSEA

Sessione di calciomercato meno opulenta rispetto al solito per il Chelsea di Roman Abramovich, con un immobilismo parziale che ha scatenato il malcontento di Antonio Conte. La strategia dei Blues è tuttavia oculata, dato che hanno rimpiazzato il partente Begovic con l’esperto Caballero, la bandiera Terry con Rüdiger ed il separato in casa Diego Costa con Alvaro Morata e si sono assicurati il promettente mediano Bakayoko. Per essere competitiva su più fronti, la rosa, che lo scorso anno non aveva l’impegno europeo, necessita di qualche miglioramento, in particolare servirebbero un’alternativa a Moses (Candreva?) ed un altro centrale, dato che oltre a Terry è partito anche Zouma. La sensazione è che ancora una volta il vero top player sarà Antonio Conte, capace di trarre il meglio dai giocatori a disposizione.

ACQUISTI: Rüdiger, Morata, Caballero, Bakayoko, Musonda

CESSIONI: Terry, Matic, Zouma, Begovic

 

ARSENAL

Mercato in sordina per l’Arsenal, che in questa sessione ha acquistato i soli Lacazette dal Lione, che costituisce un concorrente importante per Giroud in attacco, e Kolasinac dallo Schalke, che va a rinforzare la fascia sinistra del reparto arretrato. Wenger continua però a mostrarsi reticente nell’acquistare difensori centrali, vero tallone d’Achille dei Gunners. Per dare un voto complessivo al mercato bisogna prima aspettate le cessioni, che al momento sono pressoché nulle, e gli sviluppi della vicenda Sanchez, ai ferri corti con Wenger.

ACQUISTI: Kolasinac, Lacazette

CESSIONI:

 

TOTTENHAM

Dopo due ottimi secondi posti, il Tottenham è alle porte di una stagione decisiva: gli Spurs devono portare a casa un trofeo, altrimenti trattenere i top player come Kane ed Alli potrebbe diventare complicato. La squadra non è cambiata rispetto allo scorso anno, eccezion fatta per Walker, che dovrà essere rimpiazzato a dovere prima della fine del mercato. La rosa è di ottimo livello, i giovani top Player sono pronti ad affermarsi definitivamente: che sia questo l’anno degli Spurs?

ACQUISTI:

CESSIONI: Walker, Bentaleb, N’Jie

 

LIVERPOOL

Reduce da una stagione altalenante dal punto di vista della continuità di risultati, i ‘Reds’ sono chiamati a compiere il passo decisivo per competere per la vittoria di quella Premier che manca ormai da troppi anni. La scorsa stagione, dopo aver a lungo tenuto testa al Chelsea capolista, ha perso terreno all’inizio della seconda parte di campionato, complici soprattutto le indisponibilità di due uomini chiave come Coutinho e Manè.
In questa sessione di mercato sono arrivati nel Merseyside due importanti innesti come l’egiziano Salah, arrivato dalla Roma, e il terzino Robertson, arrivato dal retrocesso Hull City e che andrà a giocarsi il posto con Milner e lo spagnolo Alberto Moreno. Da non sottovalutare nemmeno l’acquisto della stellina Solanke, conosciuto a nostro discapito durante il mondiale Under20. Dal mercato non è escluso possa arrivare ancora qualche rinforzo, come Van Dijk del Southampton, che negli ultimi giorni ha chiesto ufficialmente la cessione e farebbe fare un notevole passo in avanti al reparto arretrato. Attenzione infine alla possibile cessione del brasiliano Coutinho, corteggiatissimo dal Barcellona.

ACQUISTI: Salah, Solanke, Robertson

CESSIONI: Stewart, Lucas Leiva, Manning er

 

Appuntamento a domani per altre sei squadre, le possibili outsider nella corsa ad un posto all’Europa.

 

A cura di Alessio Nanni, Christian Attanasio e Nicolò Grassi.

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Studio le lingue straniere, adoro la letteratura francese ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008