Torniamo indietro di quasi un anno e ripensiamo all’ultimo mercato di gennaio. Inter e Roma avevano virtualmente, e quasi ufficialmente, chiuso lo scambio Politano-Spinazzola, con l’esterno che sarebbe dovuto tornare nella squadra in cui è cresciuto mentre il percorso dell’ex Juventus sarebbe stato l’opposto, ovvero approdare in nerazzurro.

Quando tutto sembrava fatto e si aspettava solo l’annuncio definitivo, l’affare viene bloccato e poi annullato a causa di alcuni ripensamenti della società nerazzurra. Risultato, Politano non la prende benissimo in quanto desideroso di rivestire i colori che ha sempre tifato. Spinazzola rimane alla Roma, Politano all’Inter ma è solo questione di giorni perché nel finale del mercato invernale Politano si trasferisce al Napoli.

Politano e Napoli, meglio sia andata così

In quei giorni probabilmente Politano avrebbe preferito ritrovarsi sotto al Colosseo ma tuttavia non è una grande tragedia godersi il Vesuvio e il lungomare di Napoli. Non è un discorso geografico tra turisti, ma è chiaro che l’affare saltato tra Inter e Roma se per un primo momento poteva far irritare Politano, a conti fatti e ormai un anno dopo verrebbe da dire che non è poi così andata male, anzi.

Politano a Napoli è infatti cresciuto molto e Gattuso lo ritiene un giocatore chiave della squadra, composta comunque da ottimi giocatori nel reparto offensivo. La concorrenza è tanta e anche forte ma Politano si è ritagliato molte volte un ruolo da protagonista, segno della maturazione avvenuta dal momento del suo arrivo ad oggi. Quando è arrivato, nel già citato gennaio 2020, sulla carta Politano sarebbe dovuto essere una riserva o comunque un giocatore da inserire dal primo minuto quando i titolari avevano bisogno di tirare il fiato. Così è stato, ma non per molto, e nella nuova stagione Politano ha già scalato le gerarchie diventando anche più decisivo rispetto al passato.

Il rendimento e i numeri non mentono

Sono già 5 i gol segnati da Politano in questa stagione, 3 in Serie A e 2 in Europa League, più qualche assist e giocate importanti. Contro la Real Sociedad in Europa League il Napoli ha vinto 1-0 e i 3 punti sono stati conquistati proprio grazie alla rete di Politano. In una squadra di grande livello come il Napoli è evidente che pochi possono avere il posto fisso, e in più il pacchetto offensivo partenopeo offre molte soluzioni valide. Per questo motivo è facilmente intuibile che Politano diverse volte potrà accomodarsi in panchina, ma questa non sembra essere una brutta notizia.

La conferma è arrivata anche pochi giorni fa, durante il big match di domenica sera proprio contro la Roma. La squadra di Gattuso ha vinto con un secco e sonoro 4-0, Politano è entrato nella ripresa sul momentaneo 2-0 e ha segnato poi l’ultimo gol del match. Gattuso ha ribadito più volte che si aspetta grande professionalità e massimo impegno dai suoi giocatori, Politano è entrato bene in partita e questo avrà fatto sicuramente piacere al proprio tecnico. Importante sia dal primo minuto e affidabile anche da subentrato a gara in corso.

Un’arma presente e costante

Un’arma quindi utilizzabile in qualsiasi momento della partita, il suo mancino ha causato diversi problemi agli avversari e aiutato notevolmente i suoi compagni di squadra. Probabilmente fin qui uno dei migliori del Napoli in questa stagione che sta procedendo forse anche sopra le aspettative. Risultare uno dei migliori, quantomeno come rendimento e numeri, in una squadra come il Napoli non è facile e se Politano ci sta riuscendo significa che il giocatore ha sempre avuto potenziale ma non è mai riuscito ad esprimerlo fino in fondo.

Ha fatto decisamente bene con la maglia del Sassuolo ma molti non si sbilanciavano in quanto il Sassuolo era ancora una squadra con l’obiettivo di salvezza e non con le ambizioni di adesso. All’Inter è stato spesso utilizzato da Spalletti anche se non era considerato imprescindibile, con l’arrivo di Conte il suo spazio è notevolmente diminuito. A Napoli ha trovato l’ambiente ideale per esaltarsi ed esaltare il resto della squadra, perché un giocatore non bisogna giudicarlo solo in base a quello che mostra individualmente ma è importante osservare il suo apporto all’intero gruppo. La squadra beneficia della presenza di Politano, così come Politano ha beneficiato del passaggio in azzurro. E, ripensando a quello che è successo a gennaio scorso, verrebbe da dire meglio che sia andata in questo modo.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008