Platini: “VAR? Risolve problemi ma ne crea altri, il calcio deve essere arbitrato dagli uomini”

VAR

L’introduzione del VAR nelle coppe europee è un argomento che continua a far discutere e il mondo del calcio si spacca in due. Tra quelli che si schierano contro l’utilizzo della tecnologia c’è Michel Platini, ex presidente dell’UEFA, il quale ha parlato a RMC Sport.

La VAR è arrivata, è partita e ora resta com’è. Nella finale di Coppa del Mondo ci sono stati due errori sui primi due gol della Francia. Per i croati, ma anche per tutto il resto del mondo, quelli sono due errori. Per i francesi no, va tutto bene, non c’è niente di sbagliato. La VAR risolve alcuni problemi, ma ne crea altri. Ma io sono contro tutta questa filosofia. Il calcio è uno sport umano, giocato dagli uomini e deve essere arbitrato dagli uomini”.

Platini continua argomentando la sua opinione: “All’inizio l’arbitro non c’era proprio, si giocava e i capitani decidevano. Poi è stato messo un arbitro a cui i due capitani dovevano far riferimento. E quindi sono novant’anni che c’è solo un arbitro in campo. Ecco l’errore sull’arbitraggio, che ce n’è uno solo. Nel basket gli arbitri sono cinque per un campo piccolissimo”.

Se fosse per me, ne metterei di più di arbitri, ma Blatter ha fatto in modo che la questione arbitri non venisse toccata. Ed è un peccato. Pensate che gli arbitri siano d’accordo con la VAR? Fidatevi, gli arbitri…seguono il capo, chi ha il potere! Quando io ero presidente della UEFA, erano tutti d’accordo che ci volevano cinque arbitri, con l’addizionale di porta. E quando vanno alla FIFA, sono tutti d’accordo che di arbitri e guardalinee in campo ne bastano tre. Stanno sempre dalla parte di chi comanda…”.

La VAR è fatta per i paesi ricchi, quelli che si possono permettere trenta telecamere in campo. E sono sei o sette paesi in tutto il mondo. Non voglio fare populismo, ma i soldi che vengono spesi per la VAR sarebbero spesi molto meglio per far sì che i bambini possano giocare a calcio!”, riporta Il Posticipo.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo