Pirlo: “Italia? Bisogna ripartire da zero, ma c’è tanto entusiasmo. Ancelotti al Napoli porterà qualcosa in più al campionato, ma la Juve resta favorita”

pirlo
Andrea Pirlo

Protagonista di un’intervista rilasciata ai microfoni di Sky Sport dal Golf Club della fondazione Vialli-Mauro, l’ex centrocampista di Milan, Juventus e Inter Andrea Pirlo ha parlato di quello che è il calcio italiano, che lui conosce molto bene, nell’ultimo periodo.

Il 39enne, ha iniziato parlando del suo match d’addio al calcio, costellato di grandi campioni mondiali e giocato qualche giorno fa, dicendo che è rimasto felice di come è andata la serata.

A seguire, il Campione del Mondo nel 2006 ha parlato del periodo attraversato dal Milan, sua ex squadra, del lavoro di Gattuso sulla panchina dei rossoneri e anche due calciatori , nonché suoi cari amici, nello specifico, ovvero Gianluigi Buffon e Mario Balotelli.

Per concludere, dopo aver parlato del progetto per riportare la Nazionale Italiana ai vertici del calcio mondiale, l’ex calciatore ha parlato anche del suo futuro e dell’arrivo di Carlo Ancelotti sulla panchina del Napoli, dicendo che porterà qualcosa in più alla Serie A ma che, nonostante ciò, la favorita per lo Scudetto rimanere la Juventus.

Ecco le parole di Pirlo:

“La mia gara di addio? Sono rimasto felice, ho rivisto tanti amici che non incontravo da tempo. Il momento del Milan? Purtroppo sto leggendo le ultime notizie, è un peccato perché è una squadra a cui tengo tanto. Sarebbe un peccato restare fuori dall’Europa dopo tanti sacrifici. Gattuso? Un grandissimo lavoro, ha riportato quell’entusiasmo che lui ha sempre avuto. L’Italia? Mi aspetto che riparta da zero perché siamo all’anno zero. C’è tanto entusiasmo, ci sono dei giovani che sono alle prime esperienze e spero che facciano bene. Balotelli? Sono felice che sia tornato, se l’è meritato sul campo. In Nazionale si è sempre comportato bene, spero possa far bene con i colori azzurri. Buffon? Lui ha le sue idee e sono ben chiare. In questi giorni ci penserà, ma credo che continuerà a giocare. Futuro? I primi di giugno inizierò a fare il corso da allenatore, poi vedrò se sarà quella la mia strada. Ancelotti al Napoli? E’ una sfida avvincente, l’ho sentito ed era felice. E’ una scelta importante, significa che crede molto in questo progetto ed il suo ritorno porterà qualcosa al nostro campionato. La Juve resta la più accreditata, poi le altre cercheranno di giocarsela”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008