Si è appena conclusa la sfida dell’Adriatico tra Pescara e Roma che chiude questa 33^giornata del campionato di Serie A Tim 2016/17. I giallorossi seguono la scia della capolista Juventus e mettono anch’essi a segno quattro gol nella loro roboante vittoria, grazie alla reti nel primo tempo di Strootman e Nainggolan ed alla doppietta messa a segno nella ripresa da Mohamed Salah: per i padroni di casa, gol della bandiera siglato da Ahmed Benali.

La gara inizia con una fase di studio lunghissima, dopo la quale gli ospiti subito provano a portarsi avanti ma trovano un Pescara inizialmente ben organizzato a difendersi a spada tratta. Al 2′ subito rete giallorossa con Salah che aveva insaccato alle spalle di Fiorillo una splendida volèe, in posizione però di fuorigioco. Altra occasione ghiottissima capita al 10′ sui piedi di El Shaarawy, che spreca malamente da distanza ravvicinata. Al minuto 18′ grave leggerezza difensiva di Cesare Bovo, che mette Dzeko in una posizione pericolosissima ma Fiorillo si supera e gli nega la gioia del gol: il primo segnale di una serata negativa per il centravanti bosniaco, che protesterà nervosamente al momento della sostituzione al minuto 71′, quando Spalletti decide di tirarlo fuori per far spazio a Grenier. Tra il 37′ e il 40′ scattano gli unici due gialli della gara, indirizzati a Biraghi e Muntari colpevoli rispettivamente di aver commesso due brutti falli su Salah e Paredes. Quando tutto sembrava ormai rimandare ad un primo tempo destinato a chiudersi con uno scialbo 0-0, tra il 44′ e il 45′ arrivano due reti dei giallorossi, con El Shaarawy e Dzeko che forniscono due splendidi assist a Strootman e Nainggolan ed i due centrocampisti giallorossi a rispondere presente all’appello del gol.

In apertura di secondo tempo arriva dopo soli tre minuti la terza rete degli ospiti, con Salah abilissimo a sfruttare un altro bellissimo assist servito da El Shaarawy infilando Fiorillo con un sinistro a giro dal limite dell’area. Benali spreca una clamorosa palla gol da due passi sparando altissimo, e qualche azione dopo anche Dzeko getta alle ortiche una buonissima occasione partita dai piedi di Salah, minaccia costante in contropiede. Al minuto 60′, quarto gol degli ospiti ancora con Salah servito perfettamente da El Shaarawy che lo mette in condizione di appoggiare da due passi alle spalle di un incolpevole Sportiello. Le numerosissime occasioni capitate ai padroni di casa, aiutati da una linea difensiva giallorossa non perfetta che più di una volta manda su tutte le furie uno Spalletti perfezionista, trovano una minima gioia al minuto 83′, quando Benali mette a segno la rete della gloria. Risultato finale di 1-4 che condanna il Pescara alla matematica retrocessione in B e manda la Roma nuovamente a +4 sul Napoli.

Pescara (4-3-3): Fiorillo 6.5; Zampano 5.5, Bovo 4.5, Coda 5 (80′ Fornasier sv), Biraghi 6; Coulibaly 6 (67′ Verre 6.5), Muntari 5.5 (46′ Bruno 6), Memushaj 5.5; Benali 6.5, Bahebeck 5.5, Caprari​ 5.
A disposizione: Bizzarri, Aldegani, Crescenzi, Brugman, Milicevic, Kastanos, Cerri, Muric, Mitrita. All. Zeman 6

Roma (4-2-3-1): Szczesny 6; Rüdiger 5.5, Manolas 6, Fazio 6, Emerson 6 (80′ Jesus sv); Paredes 7 (82′ Perotti sv), Strootman 7.5; Salah 8, Nainggolan 7, El Shaarawy 8; Džeko​ 6 (71′ Grenier 6).
A disposizione: Alisson, Lobont, Bruno Peres, Vermaelen, Mario Rui, Gerson, De Rossi. All. Spalletti 6

Marcatori: 83′ Benali (P); 44′ Strootman, 45′ Nainggolan, 48′, 60′ Salah (R)

Ammoniti: Biraghi, Muntari (P).

Note:

-Spettatori: 13000 circa

-Recupero: 1′ e 0′

Top Novantesimo: Salah 8 – L’esterno egiziano, dopo un primo tempo in cui la chiusura ermetica della difesa pescarese l’ha limitato moltissimo nei movimenti, nella seconda frazione di gioco è stato una vera e propria spina nel fianco della retroguardia della squadra guidata da Zeman. Con le sue ripartenze supersoniche, soprattutto una volta sbloccata la gara, è stato un pericolo costante per i padroni di casa e i due gol messi a segno, al di là dei numerosi tentativi, purtroppo vani, di far andare a segno Edin Dzeko ne sono testimonianza lampante.

Flop Novantesimo: Bovo 4.5 – L’esperto centrale difensivo classe ’83, tornato quest’oggi a disposizione del tecnico boemo che non ha esitato ha schierarlo titolare, ha sofferto tantissimo la velocità degli attaccanti giallorossi, pur riuscendo a contenerli, insieme ai compagni di reparto, per praticamente tutto il primo tempo. Non ancora al top della forma, aveva stasera una differenza di passo con i diretti avversari troppo evidente.

CONDIVIDI
Appassionato di sport, malato di calcio. Tifoso del Napoli e del Sorrento. Studente di Medicina. Sogno di diventare medico, di vedere uno Scudetto.. ma mai sei numeri, oh!

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008