Si è concluso il posticipo dell’Adriatico tra Pescara e Palermo e di fatto anche la 37^ giornata di Serie A. Nella sfida tra due squadre già retrocesse vince il Pescara 2-0 grazie alle prime reti in A di Muric e Mitrita.

PRIMO TEMPO Durante la prima frazione di gara è principalmente il Pescara a fare la partita, concentrando il proprio gioco su azioni rapide e a pochi tocchi, mettendo in difficoltà centrocampo e difesa del Palermo. La prima occasione della partita, però, è stata creata dalla squadra siciliana con il solito Rispoli, che calcia a lato incrociando troppo il tiro dopo una cavalcata sulla fascia destra. Pochi minuti dopo arriva la prima conclusione anche per il Pescara con protagonista Cerri che spedisce alto dopo essersi liberato bene ai danni di Giancarlo Gonzalez. Il Pescara intorno al 10^ aumenta il proprio ritmo, il Palermo fa visibilmente fatica ad impostare l’azione sbagliando tantissimi passaggi e al 15^ arriva il meritato vantaggio degli abruzzesi con Muric che riceve un ottimo cross sulla sinistra da Caprari e di testa insacca il pallone alle spalle di Fulignati. Per il resto del primo tempo l’andamento della partita rimane invariato, la squadra di Zeman continua a giocare un buon calcio veloce e propositivo, il Palermo si limita alle occasioni di Nestorovski, che raccoglie un passaggio sbagliato di Zampano ma tira addosso a Fiorillo e successivamente, al 41^, quella di Chochev che di testa manda fuori da azione da calcio d’angolo. Da registrare un presunto rigore non fischiato al Palermo, in cui Bovo trattiene Nestorovski che cade in area, contatto ritenuto regolare dall’arbitro Pairetto. Rimangono dei dubbi.

SECONDO TEMPO Nella ripresa il Pescara accusa un po’ di stanchezza e cala di intensità, il Palermo aumenta leggermente la pressione affacciandosi diverse volte nei pressi dell’area di rigore avversaria e andando vicino al pareggio al 60^ con un altro colpo di testa di Chochev respinto da Fiorillo. Questa è di fatto l’unica occasione per il Palermo che tuttavia come gioco è leggermente migliorato rispetto al primo tempo, a causa anche di un Pescara non più brillante come prima. Al 70^ arriva il primo vero tentativo del Pescara della ripresa con Cerri che, esattamente come nel primo tempo, fallisce calciando alto. La squadra di Zeman chiude la partita grazie alla prima rete in campionato di Mitrita, complice la disattenzione difensiva dei rosanero. Per il Pescara è la terza vittoria in campionato, mentre il Palermo interrompe la mini striscia di risultati utili consecutivi con 2 vittorie e 1 pareggio nelle ultime tre partite.

 

PESCARA (4-3-3) Fiorillo 6,5 ; Zampano 6 ; Bovo 6,5 ; Fornaiser 6 ; Biraghi 6,5 (dall’86^ Campagnaro s.v.) ; Verre 5,5 ; Brugman 5,5 ; Memushaj 6 ; Muric 7 (dal 45^ Mitrita 6,5) ; Cerri 5,5 (dal 76^ Gilardino s.v.) ; Caprari 6,5       All. Zeman

PALERMO (3-5-2) Fulignati 6 ; Cionek 5 ; Goldaniga 5 ; Gonzalez 5,5 ; Rispoli 6,5 (dal 75^ Trajkovski s.v.); Jajalo 5 ; Bruno Henrique 5 (dal 64^ Lo Faso 5,5) ; Chochev 5,5 ; Aleesami 4,5 ; Diamanti 6,5 (dall’81^ Sallai s.v.) ; Nestorovski 6         All. Bortoluzzi

ARBITRO Pairetto (sez. Torino)

MARCATORI 15^ Muric (PES), 87^ Mitrita (PES)

AMMONIZIONI Biraghi (PES), Brugman (PES)

ESPULSIONI

TOP 90ESIMO MURIC 7: Sigla la sua prima rete in Serie A segnando il gol dell’1-0 con un bel colpo di testa. Complessivamente un primo tempo positivo, esce nell’intervallo lasciando il posto a Mitrita.

FLOP 90ESIMO ALEESAMI 4,5: Mai presente in fase offensiva, sbaglia ogni tentativo di ripartenza o di impostazione regalando palla al Pescara e, come se non bastasse, è colpevole in entrambi i gol degli abruzzesi. Partita da dimenticare immediatamente.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008